The fourth power wants to delegitimize the 5 Star Movement

#iononcicasco #idontfallforit
Link to original content: 
By: 
Contextual information from the translator: 
In this post the Five Star Movement clarifies why mainstream media outlets in Italy (La Repubblica, Il Giornale, La Stampa, Il Messaggero, Canale 5, Italia Uno, La7...) consistently misrepresent and delegitimize the Five Star Movement either by spreading fake information or by amplifying minor events to disproportionate dimensions. Abroad, media outlet like Politico in Brussels employ the same reporters and journalists that work with Italian mainstream media, giving a very partial view of the Five Star Movement.
Translation: 

All modern democracies are founded on a basic principle which is the separation of powers: legislative, executive and judicial. So they are founded on the separation of those who make laws, those who enforce them and those who judge if they are respected. These three powers, in order for a democracy to work, must be independent from each other. In Italy, for years, the first two powers were in fact commissioned by bigger and stronger powers: lobbies, a few families of big borrowers and bankers who, through the control of parties (through legal or illicit, transparent or opaque financing) controlled parliament and government, often (almost always) and willingly with their hands in dough in the so-called fourth power: the media.

This system was hit for the first time in 2013 when the 5 Star Movement, thanks to 9 million votes, took a share of the legislative power, bringing to Parliament 150 honest young people who owed nothing to anyone. From that moment on the system got stuck and started losing shots. The reaction was fierce. The MoVimento, from a simple opposition force, has been pointed out by all the media (the fourth power at the service of those above) as the cause of all the ills of the country. They started nipticking us like they had never done with anyone before, while always remaining obsequious with the governing parties, practically all the others. Obviously they have never found anything, if not maximum transparency, maximum correctness and maximum rigor in punishing those who make mistakes.

Despite an unprecedented media smearing campaign in the history of the Republic, in the elections of March 4, 2018 the 5 Star MoVement was confirmed as the first Italian political force with almost double the votes compared to the second with almost 33% of the vote by the Italian.

From that moment on the strategy of the fourth power, the media, has moved to the next level. It had a first peak when the MoVimento officially entered the government, sharing the responsibility of the executive power with another political force. We are observing the climax these days, while measures written by the MoVimento are being approved, which will change the face of this country and will demonstrate all the limitations of the parties and people who have managed the country in the last 20 years. The strategy put in place by those lobbies, families of big borrowers and bankers, once they lost control over legislative and executive power, was oriented exclusively to the brutal use of the only power that remained in their hands: media. The strategy has a name: delegitimization.

We have seen the representatives of the media, in these days, on television, to justify their fury towards us by saying "you are the power, for that we slaughter you". One: you have slaughtered us even when we were simple opposition and always without ever discovering anything or making some major blunders (see the case of Beatrice Di Maio). Two: we have the responsibility of a part of the legislative and executive power, assigned to us by the people through free voting, but we are not THE power. And the part of power we are responsible for is exercised according to the laws we respect and in the absolute awareness of always having to respect our employer: the citizens.

The problem with the press is that it is not doing selfless information, but is doing a de-legitimization work against a political force to meet the business and political interests of their publishers. The fourth power is the last one on which the real losers in the elections can count. And they exercise it brutally, for their exclusive interest and to the detriment of the quality of information and citizens.

The delegitimation of the 5 Star Movement by the fourth power affects all levels. It affects our mayors: two years of mud against Virginia Raggi. It affects our parliamentarians: the latest comes the sexist article on Espresso against Lucia Azzolina. It affects our ministers and undersecretaries: videos cut ad hoc, stolen photos, small gaffes or lapsus greased to art and slammed on the front page. Also striking Luigi Di Maio these days, being immaculate they use the relatives slamming his father on their front pages for stories happened 10 years ago. And mind well: is not that Luigi is under accusation for having helped his father while he was minister, as it was for Renzi (whose father had met half Consip while he was premier) and Boschi (Ghizzoni had confirmed the involvement of the Boschi for the acquisition of Banca Etruria, a bank where Maria Elena's father was a manager, by Unicredit), but for a blood bond. But the titles are confused, they wink at something that does not exist and does not exist, they are made of art with a single purpose: the total de-legitimization of the 5 Star Movement. Luigi's answer was the utmost transparency that swept away the lies and falsehoods of the last hours.

Delegitimization is the method used by authoritarian powers to take out their opponents. As Malcolm X said very well: "If you are not careful, the media will make you hate people who are oppressed and love those who oppress". What saves us is the possibility offered by social media to be able to speak directly with citizens and maintain a direct relationship with all of you.

This post was needed to explain to everyone what is happening in recent days, to reiterate that we are not intimidated by anyone and to ask you to keep the attention on the news that you are offered every day. This is why we ask you for a symbolic gesture, to be done on social media. A post on Facebook, Twitter or Instagram with the hashtag #IoNonCiCasco. They must understand that they can't jerk around Italians anymore.

Our battle continues. And for freedom of the press we will intervene with the law against the conflict of interests of publishers and guaranteeing fair compensation to all journalists.

Original content: 

Tutte le democrazie moderne si fondano su un principio base che è la separazione dei poteri: legislativo, esecutivo e giudiziario. Quindi chi fa le leggi, chi le fa attuare e chi giudica se vengono rispettate. Questi tre poteri, affinché una democrazia funzioni, devono essere indipendenti l’uno dall’altro. In Italia per anni i primi due poteri sono stati di fatto commissariati da poteri più grandi e più forti. Lobby, poche famiglie di grossi prenditori, banchieri, che attraverso il controllo dei partiti (tramite finanziamenti leciti o illeciti, trasparenti o opachi) controllavano parlamento e governo, spesso (quasi sempre) e volentieri con le mani in pasta nel cosiddetto quarto potere: quello mediatico.

Questo sistema è stato colpito la prima volta nel 2013 quando il MoVimento 5 Stelle grazie a 9 milioni di voti ha preso una quota del potere legislativo portando in parlamento 150 ragazzi onesti che non dovevano niente a nessuno. Da quel momento il sistema si è inceppato e ha iniziato a perdere colpi. La reazione è stata feroce. Il MoVimento, da semplice forza di opposizione, è stata additata da tutti i media (il quarto potere al servizio di quelli di sopra) come la causa di tutti i mali del Paese. Hanno iniziato a farci le pulci come mai avevano fatto con nessuno prima, ma rimanendo sempre ossequiosi con i partiti di governo, praticamente tutti gli altri. Ovviamente non hanno mai trovato nulla, se non massima trasparenza, massima correttezza e massimo rigore nel punire chi sbaglia.

Nonostante una campagna di fango mediatico senza precedenti nella storia della Repubblica, alle elezioni del 4 marzo 2018 il MoVimento 5 Stelle si è confermato la prima forza politica italiana con quasi il doppio dei voti rispetto alla seconda con quasi il 33% dei consensi da parte degli italiani.

Da quel momento la strategia del quarto potere, quello mediatico, ha scalato di livello. Ha avuto un primo picco quando il MoVimento è entrato ufficialmente nel governo, condividendo la responsabilità del potere esecutivo con un’altra forza politica e stiamo osservando il culmine in questi giorni, in cui stanno per essere approvati i provvedimenti, voluti dal MoVimento, che cambieranno volto a questo Paese e dimostreranno tutta la pochezza dei partiti e delle persone che negli ultimi 20 anni hanno gestito il Paese. La strategia messa in atto da quelle lobby, famiglie di grossi prenditori e banchieri, una volta perso il controllo sul potere legislativo ed esecutivo, si è orientata esclusivamente all’uso brutale dell’unico potere che gli è rimasto in mano, il quarto, quello mediatico. E la strategia ha un nome: delegittimazione.

Abbiamo visto i rappresentanti del potere mediatico, in questi giorni, in televisione, giustificare il loro accanimento nei nostri confronti dicendo “voi siete il potere, per quello vi massacriamo”. Uno: voi ci avete massacrato anche quando eravamo semplice opposizione e sempre senza scoprire mai nulla o prendendo clamorosi granchi (vedi caso Beatrice Di Maio). Due: noi abbiamo la responsabilità di una parte del potere legislativo e di quello esecutivo, assegnataci dal popolo tramite libere votazioni, ma non siamo IL potere. E la parte di potere di cui siamo responsabili la esercitiamo in base alle leggi che rispettiamo e nell’assoluta consapevolezza di dover sempre rispettare il nostro datore di lavoro: i cittadini.

Il problema della stampa è che non sta facendo libera informazione disinteressata, ma sta compiendo un’opera di delegittimazione nei confronti di una forza politica per venire incontro agli interessi affaristici e politici dei loro editori. Il quarto potere è l’ultimo su cui possono contare i veri sconfitti alle elezioni. E lo esercitano in modo brutale, per il loro interesse esclusivo e a danno della qualità dell’informazione e dei cittadini.

La delegittimazione del MoVimento 5 Stelle da parte del quarto potere colpisce a tutti i livelli. Colpisce i nostri sindaci: due anni di fango contro Virginia Raggi. Colpisce i nostri parlamentari: ultimo arriva l’articolo sessista sull’Espresso contro Lucia Azzolina. Colpisce i nostri ministri e sottosegretari: video tagliati ad hoc, foto rubate, piccole gaffe o lapsus ingigantiti ad arte e sbattuti in prima pagina. Colpiscono anche Luigi Di Maio in questi giorni, essendo immacolato usano i parenti sbattendo in prima pagina suo padre per storie di 10 anni fa. E attenzione non è che Luigi sia sotto accusa per aver aiutato il babbo mentre era ministro, come è stato per Renzi (il cui babbo aveva incontrato mezza Consip mentre lui era premier) e Boschi (Ghizzoni aveva confermato l’interessamento della Boschi per l’acquisizione di banca Etruria, banca dov’era dirigente il padre di Maria Elena, da parte di Unicredit), ma per un vincolo di sangue. Ma i titoli sono confusi, ammiccano a qualcosa che non c’è e non esiste, sono fabbricati ad arte con un unico fine: la delegittimazione totale del MoVimento 5 Stelle. La risposta di Luigi è stata la massima trasparenza che ha spazzato via le menzogne e le falsità delle ultime ore.

La delegittimazione è il metodo utilizzato dai poteri autoritari per far fuori i loro avversari. Come disse molto bene Malcolm X: “Se non state attenti, i media vi faranno odiare le persone che vengono oppresse e amare quelle che opprimono”. Quello che ci salva è la possibilità offerta dai social media di poter parlare direttamente con i cittadini e mantenere un rapporto diretto con tutti voi.

Questo post era doveroso per spiegare a tutti quello che sta accadendo in questi giorni, per ribadire che non ci facciamo intimidire da nessuno e per chiedervi di mantenere alta l’attenzione sulle notizie che vi vengono propinate ogni giorno. Per questo vi chiediamo un gesto simbolico, da fare sui social. Un post su Facebook, Twitter o Instagram con l’hashtag #IoNonCiCasco. Devono capire che gli italiani non si fanno più prendere per il culo.

La nostra battaglia continua. E per la libertà di stampa interverremo con la legge contro il conflitto di interessi degli editori e garantendo l’equo compenso a tutti i giornalisti.