For a government at the service of citizens

Link to original content: 
Contextual information from the translator: 
Luigi Di Maio writes to the director of one of the most important Italian newspapers to clarify the position of the movimento on rumors about old-style alliances between the Five Star Movement and the traditional, old style parties.
Translation: 

Dear Director,
if there is one thing that we can strongly claim is the maximum consistency between what was done the day after the vote and what was said during the election campaign. For three months I have toured Italy and I have always repeated that if we had not obtained an absolute majority, I would have proposed to the parties a binding contract on the program. I also reiterated several times that we did not have a favorite interlocutor, but that we would talk to everyone. It's what we're doing.

The next will be the government of the citizens, not the parties. The contract modeled on the German example will serve to put the immediate actions on paper to improve the quality of life of Italians to interpret the spirit of the third republic as much as possible. These are not alliances. An alliance is an exchange of seats, a do ut des from power to power. We are not interested to this. We were born to do something else. The 5 Star Movement is the first Italian political force because it has very precise identities and values, which we defend without compromise.

Our identity and what we have told Italians before the vote are the starting points for me. We have always defended the central role of the Parliament and will carry forward the demands of the citizens also through the introduction of direct democracy instruments such as proactive referendums, proposals for the law of popular initiative, consultations for the realization of major infrastructures. [These are] tools used in many modern democracies and not only the quality of democracy is benefiting from it, but above all the quality of governance.

To the 11 million Italians who voted for us we have guaranteed Italy's continuity in the European Union and monetary union, because our presence in that forum will have as its objective a profound change in the constraints of austerity, as well as in the establishment of European economic and institutional governance. We will have to overcome the fiscal compact and start the process of defining a fiscal union to dismantle the system of avoidance and evasion within the EU. This approach is now also shared by other political forces, including the PD.

The study of prof. Della Cananea has identified the points in common between our program and theirs and today I would like to review the main ones and launch an appeal: let's realise them for the superior good of the Italians! I am confident because on paper - on the programs - there are many points of convergence that go in the direction of meeting the needs of citizens, our only interest. We do not delude ourselves that electoral programs always have value, but now is the time to put the policy to the test to show that these are not just words, but concrete objectives that can be translated into facts, with agreed times and procedures. One of the functions of the 5 Star MoVement is this. The programs are valid for us when we prove we want to achieve them.

For example, if we talk about Europe, we talk about immigration. In common there is the revision of the Dublin Regulation and the fair distribution of migrants among all the countries of the European Union. To manage migration flows it is also necessary to invest in security: there is a common desire to increase the resources for cyber security and the immediate recruitment of 10,000 new agents in the police force. Let's hire them!

Fight against poverty. REI funds are not sufficient and active labor policies do not work. The Citizenship Income would solve both problems, extending the benefit to more families and making work reintegration effective thanks to the reform of the employment centers. We also speak of citizenship pension for the elderly. Let's not leave them behind.

On work we can start from the minimum hourly wage, objective shared also by the PD, according to their program. In addition to protecting jobs, it is urgent to create new ones and quality ones, for example with the public investment bank to finance small and medium-sized Italian companies at reduced rates. We believe it is necessary to reintroduce Article 18 as a "bridging measure", pending the full realization of citizenship income and the reform of employment centers: a Danish-style flexicurity which, when fully operational, will allow to overcome the rigidities of Job contracts.

Chapter taxation. The 5-Star Movement foresees a reduction of the five current IRPEF rates, while they hypotise a deduction for dependent children; for companies, the 5-Star MoVimento prefers to halve the IRAP; on the other side there is talk of a further reduction in the IRES rate. The end is the same, an agreement can be found.

Public health. According to the program, the Democratic Party writes black on white to reduce the long waiting lists. We agree, but we need a serious increase in the National Health Fund and a recruitment plan for nurses and doctors.

In terms of justice, both of us want to simplify and reduce the times of the processes through the application of the labor ritual and by investing in digitization also in the criminal field. Let's do it! There is the fight against  mafia and corruption: they provide mechanisms for preventing mafia infiltration in institutions. For us it is possible to carry out an overall reform of the penitentiary system and with the modification of the 416ter. Without forgetting the extension of the undercover agent for corruption offenses, the perpetual interdiction from public offices for those definitively convicted and a substantial modification of the prescription. A separate chapter concerns the law on conflict of interests that the country has been waiting for too many years.

Finally, the costs of politics and the efficiency of the Pa. The cuts to wasted spending are our historic workhorses, and the Democratic Party program provides for the recalculation of annuities with the contributory method, a ceiling to the salaries of public managers and the transformation of expensive and useless blue cars in electric and sustainable cars. Less wasted spending also means digital Public Administration and the fight against bureaucracy to make life easier for citizens and businesses.

This is the path we are following and the goals we want to achieve. If you can do something good for Italy and finally put the citizens in the first place, we are there, because the 5 Star Movement was born to do the interests of Italians, beyond the ideological fences and beyond the old logic of power. And of this I am proud. Likewise, we are proud of the fact that any contract we will receive will be put to the vote of our online subscribers on the Rousseau platform.

Original content: 

Caro direttore,
se c'è una cosa che possiamo rivendicare con forza è la massima coerenza tra quanto fatto dal giorno dopo il voto e quanto detto in campagna elettorale. Per tre mesi ho girato l'Italia e ho sempre ripetuto che qualora non avessimo ottenuto la maggioranza assoluta avrei proposto ai partiti un contratto vincolante sul programma. Avevo anche ribadito più volte che non avevamo un interlocutore preferito, ma che avremmo parlato con tutti. E' quello che stiamo facendo.

Il prossimo sarà il governo dei cittadini, non dei partiti. Il contratto alla tedesca servirà a mettere nero su bianco le azioni immediate per migliorare la qualità della vita degli italiani per interpretare al massimo lo spirito della terza repubblica. Non si tratta di alleanze. Un'alleanza è uno scambio di poltrone, un do ut des di potere. Non ci interessa. Siamo nati per fare altro. Il MoVimento 5 Stelle è la prima forza politica italiana perché ha identità e valori ben precisi, che difendiamo senza compromessi.

La nostra identità e quello che abbiamo detto agli italiani prima del voto per me sono i punti di partenza. Noi abbiamo sempre difeso il ruolo centrale del Parlamento e porteremo avanti le istanze dei cittadini anche tramite l'introduzione di strumenti di democrazia diretta come i referendum propositivi, le proposte di legge di iniziativa popolare, le consultazioni nell’ambito della realizzazione delle grandi opere. Strumenti in uso in tante democrazie moderne e a beneficiarne non è solo la qualità della democrazia, ma soprattutto la qualità della governance.

Agli 11 milioni di italiani che ci hanno votato abbiamo garantito la continuità dell’Italia nell’Unione europea e monetaria, perché la nostra presenza in quel consesso avrà come obiettivo una profonda modifica dei vincoli di austerità, oltre che dell’impianto della governance economica e istituzionale europea. Dovremo superare il fiscal compact e avviare il percorso di definizione di un’unione fiscale per smantellare il sistema di elusione ed evasione nell’ambito della UE. Questa impostazione è oggi condivisa anche da altre forze politiche, tra cui il PD.

Lo studio del prof. Della Cananea ha individuato i punti in comune tra il nostro programma e il loro e oggi vorrei passare in rassegna i principali e lanciare un appello: realizziamoli per il bene superiore degli italiani! Sono fiducioso perché sulla carta -la carta dei programmi- ci sono tanti punti di convergenza che vanno nella direzione di soddisfare le esigenze dei cittadini, nostro unico interesse. Non ci illudiamo che i programmi elettorali abbiano sempre una valenza, ma adesso è il momento di mettere alla prova la politica affinché dimostri che non si tratta solo di parole, ma di obiettivi concreti che si possono tradurre in fatti, con tempi e procedure concordate. Una delle funzioni del MoVimento 5 Stelle è proprio questa. I programmi per noi valgono nel momento in cui si dimostra di volerli realizzare.

Ad esempio se si parla di Europa si parla di immigrazione. In comune c’è la revisione del Regolamento di Dublino e l’equa ripartizione dei migranti tra tutti i Paesi dell’Unione Europea. Per gestire i flussi migratori serve anche investire in sicurezza: c’è la comune volontà di aumentare le risorse per la cyber security e l’assunzione immediata di 10.000 nuovi agenti nelle forze dell’ordine. Assumiamoli!

Lotta alla povertà. I fondi del REI non sono sufficienti e le politiche attive del lavoro non funzionano. Il Reddito di Cittadinanza risolverebbe entrambi i problemi, estendendo il beneficio a più famiglie e rendendo effettivo il reinserimento lavorativo grazie alla riforma dei centri per l’impiego. Parliamo anche di pensione di cittadinanza per gli anziani. Non lasciamoli indietro.

Sul lavoro si può partire dal salario minimo orario, obiettivo condiviso anche dal PD, stando al loro programma. Oltre a proteggere il lavoro è urgente crearne di nuovo e di qualità, ad esempio con la banca pubblica di investimento per finanziare a tassi agevolati le piccole e medie imprese italiane. Riteniamo sia necessaria la reintroduzione dell’articolo 18 come “misura ponte”, in attesa di una piena realizzazione del reddito di cittadinanza e della riforma dei centri per l’impiego: una flexicurity alla danese che, a regime, consentirà di superare le rigidità dei contratti di lavoro.

Capitolo tasse. Il MoVimento 5 Stelle prevede una riduzione delle cinque aliquote Irpef oggi in essere, mentre loro ipotizzano una detrazione per i figli a carico; per le imprese il MoVimento 5 Stelle preferisce dimezzare l’Irap; dall'altra parte si parla di un’ulteriore riduzione dell’aliquota Ires. Il fine è lo stesso, un’intesa si può trovare.

Sanità pubblica. A quanto risulta dal programma, il Pd scrive nero su bianco di voler ridurre le ormai lunghissime liste di attesa. Siamo d’accordo, ma occorre un serio incremento del Fondo Sanitario Nazionale e un piano di assunzioni per infermieri e medici.

In tema di giustizia, entrambi vogliamo semplificare e ridurre i tempi dei processi attraverso l’applicazione del rito del lavoro e investendo nella digitalizzazione anche in ambito penale. Facciamolo! C’è la lotta alla mafia e alla corruzione: loro prevedono meccanismi di prevenzione per l’infiltrazione mafiosa nelle istituzioni. Per noi si può realizzare una riforma complessiva dell’ordinamento penitenziario e con la modifica del 416ter. Senza dimenticare l’estensione dell’agente sotto copertura per i reati di corruzione, l’interdizione perpetua dai pubblici uffici per i condannati in via definitiva e una modifica sostanziale della prescrizione. Un capitolo a parte riguarda la legge sul conflitto di interessi che il Paese aspetta da troppi anni.

Infine i costi della politica e l’efficienza della Pa. I tagli agli sprechi sono un nostro storico cavallo di battaglia, e il programma del Partito Democratico prevede il ricalcolo dei vitalizi col metodo contributivo, un tetto agli stipendi dei manager pubblici e la trasformazione delle costose e inutili auto blu in auto elettriche e sostenibili. Meno sprechi significa anche Pa digitale e lotta alla burocrazia per semplificare la vita a cittadini e imprese.

Questa è la strada che stiamo seguendo e gli obbiettivi che vogliamo raggiungere. Se si può fare qualcosa di buono per l'Italia e mettere finalmente i cittadini al primo posto, noi ci siamo, perché il MoVimento 5 Stelle è nato per fare gli interessi degli italiani, oltre gli steccati ideologici e oltre le vecchie logiche di potere. E di questo sono orgoglioso. Allo stesso modo, siamo fieri del fatto che l'eventuale contratto a cui perverremo verrà sottoposto alla votazione dei nostri iscritti online sulla piattaforma Rousseau.