Raggi: «I am reversing the course, this is how we will change Rome in 5 years»

Link to original content: 
Contextual information from the translator: 
Virginia Raggi makes a balance of her first year as Mayor of Rome. A summary of the key achievements and of the plans for the future.
Translation: 

Dear Director, thank you for hosting this letter which I want to ideally send to all Romans from the pages of your newspaper. I am writing to you a year after the beginning of the mandate to strengthen that direct line which is the basis from which we started to change our city for the better. A year ago we started a journey together that we knew would have been full of obstacles and difficulties but also full of opportunities for growth and change. It is a complex challenge that we will win.

We are putting Mafia Capitale and the traps he has left behind us, to draw a modern city, especially closer to its inhabitants. We are at the beginning of a five year long challenge. Needless to list the problems we have inherited because they are the same that all citizens have been living for years: a transport system that, step by step, we are trying to free from debts to make it efficient; a waste management system that we have started to change with the Post Consumption Materials Plan; the city decency. We were aware of these problems and we are facing them with a medium and long-term planning action.

This year we laid the foundations for this revolution. And we see the first signs of a change of course, despite the resistance of those who oppose the change and those who, after having been the cause of many of the problems of the last 20 years, propose to stay still. We put almost 200 public transport vehicles on the road in addition to the 950 we found, reaching over 1100 units. It's just the beginning. We also added security cameras in about 500 buses. In autumn, the A and C subway lines will be finally joined at the San Giovanni station. These are important signs for the city.
We have provided Ama with new equipment for waste collection, we started hiring personnel for the maintenance of public parks, we activated new ecological collection spots and door-to-door collection for non-domestic users in some municipalities. There are many initiatives, such as the recovery of the beaches of Ostia. We have improved the Tor di Valle stadium project: less cement, more green areas, a basic infrastructure plan for the Decima district, the upgrade of the Rome-Lido railway line, the reunification of Via del Mare with Via Ostiense up to the Gra. A project that will increase employment and the city's GDP. Everyone must unite along this path of revitalization of the city, putting aside ideological barriers and prejudices. We are doing this by enlarging the "Fabbrica Roma" project to trade unions, entrepreneurs, research, universities, other institutions and the whole of civil society.

There are results that go unnoticed but that are a revolution compared to the past. A growing forest makes no noise. Rome approved for the first time, after decades, its budget in January: before all the other major Italian cities and much earlier than the previous administrations. I'm proud of this because, in addition to earning the city a government funding prize, Rome returns to schedule its works and make calls for tenders. This should be normal routine but for our city it represents the restoration of legality. Thanks to planning, there are no jobs assigned directly under the pretext of emergency, which often ended up in the investigations on corruption. It is no longer possible to steal, and this was not a trivial step. The time is over for procurements to friends of friends. And the positive effects can already be seen. It was necessary to wait for the results of the tenders for the maintenance of roads but finally works are carried out to perfection because there is a contract to be respected.We were left with streets full of holes, we are repairing them by opening regular tenders. And there is a multi-year maintenance plan, which was not done before.

Some say that honesty is not enough. Instead it pays, because it translates into savings for the coffers of the City and better services for all. Honesty is the basis from which to start. Obstacles and surprises are plenty. I mention, above all, the numerous acts of vandalism against the equipment of the Gardens Service just as it engages in the maintenance of parks and green areas. By chance, one of the sectors on which Mafia Capitale was particularily interested. We are changing a mindset rooted over time. It is an inconspicuous but necessary work. The annual expenditure for the external tasks of our Board is about a quarter compared to 12 million euros in 2012 and almost half compared to 5.6 million in 2014.

We found an idle city, an administrative machine exhausted by sad judicial events, so much resignation. However, at the same time, I can say with equal certainty that this administration gives every day the maximum to infuse new energy. And we also found many people waiting for a redemption opportunity, ready to commit themselves. Every day at the end of my daily work I make a brief assessment. We wonder if we have done everything possible: certainly, we have left no stone unturned. There is no doubt that the path is both long and an uphill struggle. There have been unexpected obstacles and there will still be. But at the same time there is no doubt that we put an end to a corrupt system that for years has "eaten" our tax money to benefit the few and has provided increasingly mediocre services, not up to the standards of a large capital. This is a system that does not want change.

The potential of Rome is in front of our eyes, especially when we visit other countries: a modern, clean, decent welcoming city that functions is possible. It's real. And that possibility of redemption must be given to Rome because it deserves it. Our children deserve it. We have a future in our eyes that a few thousand kilometers from here is already present. We have hope in our hearts and in our hands the possibility to build it. It is a journey that we must do together. I thank now all the Romans of all backgrounds and political orientation. We will continue this task, myself and my team of councilors and advisors, with the utmost commitment because doing something for our city and for our community is an honor.

Original content: 

Gentile direttore, la ringrazio dell’ospitalità per questa lettera che dalle pagine del vostro quotidiano voglio idealmente inviare a tutti i romani. Vi scrivo a un anno dall’inizio del mandato per rafforzare quel filo diretto che è la base da cui siamo partiti per cambiare in meglio la nostra città. Un anno fa abbiamo iniziato un cammino insieme che sapevamo sarebbe stato pieno di ostacoli e difficoltà ma anche ricco di opportunità di crescita e cambiamento. È una sfida complessa che vinceremo.

Ci stiamo mettendo alle spalle Mafia Capitale e le trappole che ha lasciato per disegnare una città moderna, soprattutto più vicina ai suoi abitanti. Siamo all’inizio di una sfida lunga cinque anni. Inutile elencare i problemi che abbiamo ereditato perché sono gli stessi che tutti i cittadini verificano con mano da anni: un sistema dei trasporti che, passo dopo passo, stiamo provando a liberare dai debiti per renderlo efficiente; una gestione dei rifiuti che, con il Piano Materiali Post Consumo, abbiamo cominciato a cambiare; il decoro cittadino. Li conoscevamo e li stiamo affrontando con un’azione di programmazione di medio e lungo periodo.

Quest’anno abbiamo posto le basi per questa rivoluzione. E si vedono i primi segnali di un cambio di rotta, nonostante le resistenze di chi si oppone al cambiamento e di coloro che, dopo essere stati causa di molti dei problemi degli ultimi 20 anni, propongono di rimanere immobili. Abbiamo messo in strada quasi 200 mezzi di trasporto pubblico in più rispetto ai 950 che abbiamo trovato, arrivando a superate quota 1100. È solo l’inizio. Così come abbiamo dotato di telecamere per la sicurezza circa 500 autobus. In autunno si uniranno finalmente le linea A e C della metropolitana presso la stazione San Giovanni. Sono segnali importanti per la città.
Abbiamo dotato l’Ama di mezzi nuovi per la raccolta dei rifiuti, avviato il reperimento di personale per la manutenzione del verde pubblico, attivato nuove isole ecologiche e la raccolta porta a porta per le utenze non domestiche in alcuni municipi. Sono tante le iniziative, come il recupero delle spiagge di Ostia. Abbiamo migliorato il progetto dello stadio di Tor di Valle: meno cemento, più verde, messa in sicurezza del quartiere di Decima, potenziamento della linea ferroviaria Roma-Lido, unificazione della via del Mare con la via Ostiense fino al Gra. Un progetto che farà crescere l’occupazione e il Pil della città. Tutti devono unirsi lungo questo percorso di rilancio della città, mettendo da parte barriere ideologiche e pregiudizi. Noi lo stiamo facendo, allargando il progetto “Fabbrica Roma” a sindacati, imprenditori, mondo della ricerca, università, alle altre Istituzioni e tutta la società civile.

Ci sono risultati che passano in sordina ma costituiscono una rivoluzione rispetto al passato. Una foresta che cresce non fa rumore. Roma ha approvato per la prima volta, dopo decenni, il proprio bilancio preventivo a gennaio: prima di tutte le altre grandi città italiane e molto prima rispetto alle amministrazioni precedenti. Ne vado fiera perché, oltre a determinare un premio in termini di fondi governativi per la città, Roma torna così a programmare e fare bandi di gara. Dovrebbe essere la normalità; per la nostra città rappresenta il ripristino della legalità. Grazie alla programmazione non si danno lavori in affidamento diretto con il pretesto dell’emergenza, quelli spesso finiti nelle inchieste sulla corruzione. Non si ruba più, non era scontato. È finito il tempo delle commesse agli amici degli amici. E gli effetti positivi si vedono già. Per la manutenzione delle strade è stato necessario attendere l’esito delle gare ma finalmente i lavori sono realizzati a regola d’arte perché c’è un contratto da rispettare. Ci hanno lasciato le strade con le buche, noi le ripariamo facendo gare regolari. E c’è un piano pluriennale per la manutenzione, cosa che prima non veniva fatta.

C’è chi dice che l’onestà non basta. Invece paga, perché si traduce in risparmi per le casse del Comune e servizi migliori per tutti. L’onestà è la base dalla quale partire. Gli ostacoli e le sorprese non mancano. Cito, su tutti, i numerosi atti di vandalismo ai danni dei mezzi del Servizio Giardini proprio nel momento in cui è impegnato nella cura di parchi e verde attrezzato. Guarda caso uno dei settori su cui Mafia Capitale aveva puntato le sue mire. Stiamo cambiando una mentalità radicatasi nel tempo. È un lavoro poco appariscente ma necessario. La spesa annua per gli incarichi esterni della nostra Giunta è circa un quarto rispetto ai 12 milioni di euro del 2012 e quasi la metà rispetto ai 5,6 milioni del 2014.

Abbiamo trovato una città ferma, una macchina amministrativa stremata dalle tristi vicende giudiziarie, tanta rassegnazione. Tuttavia, allo stesso tempo, posso affermare con altrettanta certezza che questa amministrazione dà ogni giorno il massimo per portare nuove energie. E abbiamo trovato anche molte persone che aspettavano un’opportunità di riscatto, pronte ad impegnarsi. Tutti i giorni al termine del lavoro quotidiano faccio un breve bilancio. Ci domandiamo se abbiamo fatto tutto il possibile: certamente, non abbiamo lasciato nulla di intentato. Non c’è dubbio che la strada da fare sia lunga e in salita. Ci sono stati ostacoli imprevisti e ce ne saranno. Ma allo stesso tempo non c’è dubbio che abbiamo messo la parola fine ad un sistema corrotto che per anni ha “mangiato” i soldi delle nostre tasse per avvantaggiare pochi e ha fornito servizi sempre più scadenti e non all’altezza di una grande capitale. Un sistema che non vuole il cambiamento.

Le potenzialità di Roma sono sotto i nostri occhi, in particolare quando visitiamo altri Paesi: una città pulita, decorosa, che funzioni e accolga bene, moderna è possibile. È reale. E quella possibilità di riscatto dobbiamo darla a Roma perché la merita. I nostri figli la meritano. Abbiamo negli occhi un futuro che a poche migliaia di chilometri da qui è già presente. Nei nostri cuori la speranza e nelle nostre mani la possibilità di costruirlo. È un cammino che dobbiamo fare insieme. Ringrazio già da ora tutti i romani di ogni provenienza, passione politica. Io e la mia squadra, assessori e consiglieri, continueremo questo compito con il massimo impegno perché fare qualcosa per la propria città e per la propria comunità è un onore.

Tags: