The server of two masters

Link to original content: 
By: 
Contextual information from the translator: 
This article, net of some spicy tones, represents an accurate summary of the current state of discussion between the Five Star Movement and the Lega on the possibility of a joint, contract-base government. It is written by Marco Travaglio, an Italian investigative journalist, writer and opinion leader, director of the independent journal "Il fatto quotidiano". The article is obviously not neutral but factually accurate and useful to gather an overview of the facts.
Translation: 

Tomaso Montanari wrote us a nice letter, which you find on page 15. It represents the anxieties and the alarms of many left-left voters who, by conviction or despair, voted or otherwise sympathized with the 5 Stars and now find themselves sharing a table with a right-right party like the League.
To him, and to many like him, Salvini's presence is enough to say that this government is not an option.

We at the Fatto, on the hypothesis of a Salvimaio [TN: Salvini-Di Maio] government, started from a different, less ideological and more pragmatic approach (the Confucian "It does not matter if the cat is white or black, as long as it catches the mouse"), although we may soon arrive in other ways to the same conclusions as Montanari's.

It will depend on three things: the prime minister, the ministers and the program or "contract" of the eventual government. What we think of the Green Bulshitter [TN: Marco Salvini] and of his worthy old mate B. [TN: Berlusconi], our readers know it well. Before and after the elections, we wrote and repeated that, however narrow and tortuous, the most desirable road for Italy was that of an agreement on topics between a M5S [NT: Five Star Movement]  finally open to dialogue with the "others" and a Democratic Party with renewed programs and management. The double games of Renzi and his alleged internal opponents, the iron pact of Renzi's and Berlusconi's "worsist" gattopardi [NT: “If we want things to stay as they are, things will have to change.” - Tancredi Falconeri, Il Gattopardo by Giuseppe Tomasi di Lampedusa, 1958], and the two "ovens" opened simultaneously by Di Maio (also because the Pd's oven has been closed for too long) have made of that road a dead end.

So, a week ago, everything was ready for new elections with the same electoral law (and the same result, if not that of a far worse winning and self-sufficient center-right), preceded by an elusive "neutral" government that was not neutral: it only served to the defeated Renzi and B. to avoid a new defeat in the polls and buy more precious time.

At that point something happened that no one could have ever imagined: B. granted permission, his goodness, to Salvini to govern with the hated 5Stelle without breaking the center-right coalition, and guaranteed him a "critical" or "benevolent abstention". Since we had never seen a scene like this, we immediately warned the M5S about the ambiguity of a negotiation with Arlecchino server of two masters: that is with Salvini, indeed manager of two "ovens", both open at the same time. The head of the Lega would have dealt with the M5S without clarifying whether he did it on behalf of the Lega or of the entire center right. In the first case, it would have already been difficult to match the programs of Lega and Five Star. [NT; "grillino" is colloquial/despective for "follower of Beppe Grillo"]

In the second case, it would have been impossible to find the framework to please the Carroccio [TN: Lega] and not to displease the Caiman [TN: Berlusconi]. Not to mention the relationship of forces, decisive for the prime minister, the ministries and the program: in the negotiation with a movement with 32% of votes [NT the Five Star Movement], one thing is to deal with the head of a party with 17% of the votes [TN: Lega], another is to deal with the head of a coalition with 37% of the votes [TN: the coalition between Salvini, Berlusconi and Meloni].

The 5Stars have neglected that ambiguity, sitting at the table without asking for clarifications. And they trusted the Green Bulshitter, which in the match of the presidencies of the Chambers had given proof of reliability, as opposed to the double gamers of the Democratic Party. Result: things are smooth until the negotiation for the "contract" took place between Five Stars and the Lega.

Then, the other day, Salvini rose to Arcore to report to B.
And, from Villa Bungabunga, he came out transformed.
From optimistic to pessimistic, from easygoing to picky. Especially on issues that did not seem to be a problem (Conte as "third party" prime minister) or that already had even been agreed to the smallest details: for example those on justice, from the fight against corruption to the law to block statute-barring to prison sentence for tax evaders (evoked in the electoral campaign by himself, not by Di Maio). As if looking for pretexts to break a contract that had reached a good point, as declared by the same representatives of Lega until Sunday evening.

As far as we know, 8 of the 10 points of the "Decalogue to archive away the Delinquent [TN Berlusconi]" that "il Fatto" had published on Friday had already entered the government contract with mutual satisfaction of the two contractors, together with a national public water law, a drastic cut to large useless and expensive works (the TGV Turin-Lyon, but not only), a starter to the citizenship income, a first corrections to the Fornero law and of course some other key points of the program of Lega: the (useless) reform on self-defense, the revision (far from automatic) of some European treaties, a starter of flat tax and the fight against illegal immigration and related businesses.

If this contract had seen the light, the base of the 5Stelle and that of the League would have approved it. And the new government would have also been appreciated by many citizens that did not vote for those two parties. Especially after the umpteenth field invasions of the so-called "Europe". Net of some useless or wrong laws, inevitable in any political compromise, the Salvimaio could have done many things that Italians have been waiting for for decades. Even things that we are accustomed to consider "from the left" because of the indecent right that hangs on us since immemorial time, but that in fact are just good and of common sense.

Accustomed as we are to the paradox of the so-called "left" that makes policies "of the right", we would have experienced the new paradox of a government with a right-wing party that also makes "left wing" policies .

But after Dudù Salvini returned to the dog basket yet another time [TN: Dudù is Berlusconi's pet], everything is back on high seas and could give reason to Montanari. In the sense that Di Maio & C. should seriously start to wonder if it still makes sense to play poker with a cheater.

Marco Travaglio

Original content: 

Tomaso Montanari ci ha scritto una bella lettera, che trovate a pagina 15. Rappresenta le ansie e gli allarmi di tanti elettori di sinistra-sinistra che, per convinzione o per disperazione, hanno votato o comunque simpatizzato per i 5Stelle e ora se li ritrovano al tavolo con un partito di destra-destra come la Lega.
A lui, e a molti come lui, basta e avanza la presenza di Salvini per dire che questo governo non s’ha da fare.

Noi del Fatto, sull’ipotesi di governo Salvimaio, siamo partiti da un’impostazione diversa, meno ideologica e più pragmatica (il confuciano “Non importa se il gatto è bianco o nero, purché prenda il topo”), anche se potremmo presto giungere per altre vie alle stesse conclusioni di Montanari.

Dipenderà da tre cose: il premier, i ministri e il programma o “contratto” dell’eventuale governo. Quello che pensiamo del Cazzaro Verde e del suo degno compare B., i lettori lo sanno bene. Prima e dopo le elezioni, abbiamo scritto e ripetuto che, per quanto stretta e tortuosa, la strada più auspicabile per l’Italia era quella di un’intesa per punti fra un M5S finalmente aperto al dialogo con gli “altri” e un Pd rinnovato nei programmi e nella classe dirigente. I doppi giochi di Renzi e dei suoi presunti avversari interni, il patto di ferro dei gattopardi “tantopeggisti” renziani e berlusconiani e i due “forni” aperti contemporaneamente da Di Maio (anche perché il forno del Pd è rimasto chiuso per troppo tempo) hanno fatto di quella strada un vicolo cieco.

Dunque, una settimana fa, tutto era pronto per nuove elezioni con la stessa legge elettorale (e lo stesso esito, se non quello di gran lunga peggiore di un centrodestra vincente e autosufficiente), precedute da un fantomatico governo “neutro” che neutro non era: serviva solo agli sconfitti Renzi e B. per evitare una nuova disfatta nelle urne e comprare altro tempo prezioso.

A quel punto è accaduto quello che nessuno avrebbe potuto neppure immaginare: B. concedeva, bontà sua, a Salvini il permesso di governare con gli odiati 5Stelle senza rompere la coalizione di centrodestra, e gli garantiva financo un’astensione “critica” o “benevola”. Siccome non si era mai vista una sceneggiata del genere, abbiamo subito messo in guardia il M5S sull’ambiguità di una trattativa con Arlecchino servitor di due padroni: cioè con Salvini, lui sì gestore di due “forni”, e per giunta contemporaneamente. Il capo leghista avrebbe trattato col M5S senza chiarire se lo faceva per conto della sola Lega o dell’intero centrodestra. Nel primo caso, già sarebbe stato difficile far combaciare il programma leghista con quello grillino.

Nel secondo, sarebbe stato impossibile trovare la quadra per accontentare il Carroccio e non scontentare il Caimano. Senza contare i rapporti di forze, decisivi per il premier, i ministeri e il programma: nella trattativa con un movimento al 32%, un conto è il capo di un partito del 17%, un altro è il capo di una coalizione del 37%.

I 5Stelle hanno trascurato quell’ambiguità, sedendosi al tavolo senza chiarimenti. E si son fidati del Cazzaro Verde, che nella partita delle presidenze delle Camere aveva dato prova di affidabilità, al contrario dei doppiogiochisti pidini. Risultato: le cose sono filate lisce finché il negoziato per il “contratto” si è svolto fra pentastellati e leghisti.

Poi, l’altroieri, Salvini è salito ad Arcore a riferire a B.
E, da Villa Bungabunga, è uscito trasformato.
Da ottimista a pessimista, da accomodante a precisetti. Anche e soprattutto su questioni che non parevano un problema (Conte premier “terzo”) o addirittura erano già state concordate nei minimi dettagli: per esempio quelle sulla giustizia, dalla lotta alla corruzione alla legge blocca-prescrizione al carcere per gli evasori fiscali (evocato in campagna elettorale proprio da lui, non da Di Maio). Come se cercasse pretesti per rompere un contratto giunto ormai a buon punto, come dichiaravano gli stessi leghisti fino a domenica sera.

A quanto ci risulta, 8 dei 10 punti del “Decalogo per archiviare il Delinquente” che il Fatto aveva pubblicato venerdì erano già entrati nel contratto di governo con reciproca soddisfazione dei due contraenti, insieme a una legge nazionale per l’acqua pubblica, a una drastica sforbiciata alle grandi opere inutili e costose (il Tav Torino-Lione, ma non solo), a un avvio del reddito di cittadinanza, ai primi correttivi alla legge Fornero e naturalmente ad alcuni altri punti-cardine del programma leghista: la (inutile) riforma della legittima difesa, la revisione (tutt’altro che automatica) di alcuni trattati europei, un principio di flat tax e la lotta all’immigrazione clandestina e ai business collegati.

Se questo contratto avesse visto la luce, la base dei 5Stelle e quella della Lega l’avrebbero approvato. E il nuovo governo sarebbe stato apprezzato anche da molti cittadini che quei due partiti non li hanno votati. Tanto più dopo le ennesime invasioni di campo della cosiddetta “Europa”. Al netto di alcune leggi inutili o sbagliate, ma inevitabili in ogni compromesso politico, il Salvimaio avrebbe potuto fare molte cose che gli italiani perbene attendono da decenni. Anche cose che siamo abituati a considerare “di sinistra” a causa della destra indecente che ci tocca da tempo immemorabile, ma che a ben vedere sono solo cose giuste e di buonsenso.

Abituati come siamo al paradosso della cosiddetta “sinistra” che fa politiche “di destra”, avremmo vissuto il nuovo paradosso di un governo con un partito di destra che fa anche politiche “di sinistra”.

Ma, dopo l’ennesimo ritorno a cuccia di Dudù Salvini, tutto è di nuovo in alto mare e potrebbe dar ragione a Montanari. Nel senso che Di Maio& C. dovrebbero iniziare seriamente a domandarsi se abbia ancora senso giocare a poker con un baro.

Marco Travaglio