The speech to the Senate of prime minister Giuseppe Conte for the vote of confidence

Link to original content: 
Contextual information from the translator: 
A very good summary of the Contract for the Government of Change.
Translation: 

Madam President, Honorable Ms. and Mr. Members,

I first of all wish to greet the President of the Republic, who represents national unity and who accompanied the first - not easy - phases of formation of this Government.
Entering for the first time in this hall and talking to you today, I feel a heavy responsibility because of what this place represents. It preserves the memory of many significant passages of our institutions.
But the best way we have today to honor this noble tradition is to offer concrete answers to the needs of citizens. The growing disaffection towards the institutions, the progressive loss of prestige of those who have the honor of holding offices must push us all to a supplement of responsibility that necessarily passes through a greater openness towards the real instances that come from those who live out of these buildings.
The role and authority of Government and Parliament can not be based exclusively on the very high tasks assigned to them by our fundamental Charter, but must be conquered day by day, working with "discipline and honor", putting aside personal conveniences and demonstrating to deserve such burdensome responsibilities.

The contract.
With this spirit and this awareness, today we present ourselves to you to ask for a vote of confidence not only in favor of a team for the government, but also of a project for the change of Italy. A project that was formalized in the form of a contract by the two political forces that form the parliamentary majority. A contract that was drawn up from the electoral programs presented in the elections and voted by the majority of Italians, and further legitimized by the votes that the two political forces called respective members and supporters to express.
The government program, the contents of which I supported - even if discreetly - since the early stages of its elaboration, is therefore strong of a double legitimation, formal and substantial.
The objectives that our government team promises to reach are entrusted to the written page, because the political forces that make up the majority have declared them in a transparent way, binding themselves to take all the initiatives and measures necessary to pursue them. Only once the contents of the contract were finalized, both political forces, following the vicissitudes that we all know well, have decided, by mutual agreement, to propose to the head of state my name to assume the leadership of the Government.
I am grateful to those who, by renouncing legitimate personal ambitions, have been able to put the general interest before all, for a project that goes beyond the people called to carry it forward, and which makes me feel even more intensely the responsibility that I assumed, well aware of the prerogatives that the art. 95 of the Constitution assigns to the President of the Council of Ministers.
As known, I do not have previous political experiences. I am a citizen who, by virtue of the matured professional and academic experience, has declared himself available, during the election campaign, to assume possible responsibilities of government with one of the two political forces and, subsequently, to accept the task of forming and directing the Government, and to assume the role of guarantor of the implementation of the "Contract for the Government of Change".
I assume this task with humility, but also with determination; with the awareness of my limits, but also with the passion and dedication of those who understand the weight of the high responsibilities that are entrusted to him. I am not moved by anything other than a spirit of service. I am deeply honored to be able to offer my commitment and my skills to defend the interests of the citizens of this wonderful country. As I have already anticipated, I propose to you and - through you - to the citizens, as the lawyer who will protect the interests of the Italian people.

Change.
Someone has considered these changes as a clear break with the institutional practices that have accompanied the history of the Republic, almost an attack on the unwritten conventions that have characterized the ordinary institutional path of our country.
All true. I will say more. I do not think this is a simple novelty. The truth is that we have made a radical change of which we are proud of: compared to practices that included assessments exchanged in conciliation between political leaders, mostly focused on the allocation of personal roles and very little about the contents of the program, we inaugurate a new season, not hiding the difficulties and mutual renunciations, in the sign of transparency and clarity towards the voters.
Presenting ourselves today in the sign of change is not, therefore, rhetoric or propaganda, but a choice based on the need to open up to the new wind that has been blowing for some time in the country and produced, after the last political elections on the 4th of March, a geography of completely unprecedented political consensus.

Old and new political categories.
There are no longer political forces that express, as in the past, complex visions of the world, which inspire their action - that is to say - on the basis of perfectly identifiable ideological systems.
The decline of strong ideologies dates back to decades and is shown by the fact that the last governments have promoted political initiatives that are difficult to place within the more traditional political categories.
The contract laid at the foundation of our government was judged, depending on the point of view, rightist or leftist.
We respect those who wanted to carry out these analyzes, but we can only point out their inadequacy, their inability to understand the deep needs that come from the country. Personally, I consider it more profitable to distinguish between political guidelines on the basis of the intensity of the recognition of human rights and fundamental freedoms.
It is true that we want to claim, for our government action, new evaluation criteria: we pragmatically take the responsibility to affirm that, here and today, there are policies that are advantageous or disadvantageous for citizens and for our country, policies that are successful in ensuring well-being and a better quality of life for citizens and policies that compromise these objectives.
The political forces that integrate the majority of this government have been accused of being "populist" and "anti-system". They are linguistic formulas that everyone can freely decline.
If "populism" is the attitude of the ruling class to listen to people's needs - inspired by Dostoevsky's reflections from the pages of Pushkin - if "anti-system" means to aim to introduce a new system, which removes old privileges and encrustations of power, well our political forces deserve both these qualifications.
But if you want to read carefully the government contract, it emerges that this attention to the needs of citizens is carried out in the high standing of Politics, with a capital - P -, with the aim of giving concrete implementation to the founding values ​​of our Constitution.
In the contract, alongside more immediate measures, there are also deeper structural reforms.
If we want to restore a broader horizon of meaning to the action of government, we must show ourselves as capable of looking up, striving to pursue the real needs of citizens in a medium-long term perspective. Otherwise politics loses sight of the "principle of responsibility", which requires to act - as the philosopher Jonas invited to consider - not only with an eye to the immediate need, which risks to became mere short-termism, but also planning the society that we want to leave to our children and to our grandchildren.

Change in the method.
The change will not be only in words and style, but above all in the method and in the contents.
From the methodological point of view, our initiative will be articulated on three fronts.
Listening. Because the needs of the citizens come first. In this what will help us is, of course, the Parliament and the new instruments of direct democracy that the contract intends to introduce.
Execution. We want to be pragmatic. If a norm, an institution or a public body does not work it is right to abolish it, if it works it is right to strengthen it, if it is missing it is right to create it.
Control. The measures we will adopt have objectives to be achieved: we will be the first to monitor their effectiveness with severity and rigor, intervening immediately with the necessary corrections.
Listening, execution, control. These will be the three pillars of the government's action, under full transparency.

Change in content.
The change, as just anticipated, will also be in the contents. For example, changes is in the fact that the Government's first concern will be social rights, which over the past few years have been gradually dismantled with the results we know: millions of poor, millions of unemployed, millions of sufferers. It is time to say that Italian citizens have the right to a minimum hourly wage, so that no one is exploited any more, they are entitled to an income of citizenship and to return to work if they are unemployed, they are entitled to a dignified pension, that they have the right to pay fair taxes in a simple manner. What's new is that we want to reduce public debt, but we want to do it with the growth of our wealth, not with the austerity measures that, in recent years, have helped to make it rise.
Change is in a quick and efficient justice, on the side of citizens, with new tools such as the class action, a fair compensation for victims of violent crimes, the strengthening of self-defense. What changes is that we will end the immigration business, grown out of all proportion under the cloak of fake solidarity. What changes is that we will fight corruption with innovative methods such as the "daspo" to the corrupt and with the introduction of the undercover agent. What changes is that we want a country that is adapted to disabled citizens - and there are a few millions - that too often find themselves abandoned to themselves and their families. What changes is that we want to break the link between politics and health, to make the latter finally efficient throughout the national territory. What changes is that we will increase funds, assets and equipment to guarantee security in every city. What changes is that we will pay adequate attention to families, especially those in need. I recalled only a few parts of the contract, but even if we were to realize only the innovations that I have just outlined, citizens would immediately perceive that the new wind did not blow in vain.
They would sense that the wind of change is blowing everywhere: in big cities and in small towns. They would perceive that their quality of life has improved and they would feel even more united and proud to live in our beautiful country. This is ultimately our goal.

On some specific themes.
I will not dwell in detail to illustrate all the individual objectives that we have laid at the foundation of this government action and which are indicated in the contract.
Below, however, I will summarize some indications on some more relevant topics and I will also anticipate in which direction my personal and more specific contribution will be made.

Work.
In this time of crisis and difficulty we are committed to giving substance to the provision contained in the first article of our Constitution, which establishes the Republic on labor. We want to build a new transparent and fair social pact, based on solidarity but also on commitment, aware that only with everyone's participation in the development of the country can we guarantee a future of prosperity for our children.
We want to give voice to the many young people who can not find work: to those who are forced to move abroad and those who remain inactive here, who close themselves up and become discouraged.
In one case as in the other we end up dissipating precious resources of our country.
We want to give voice to the many women, often more educated and tenacious than men, that are still unacceptably discriminated in the workplace and paid less, and that feel alone when they decide to give birth to a child.
The diffusion of new technologies and the sharing economy creates new business opportunities and makes innovative services available to citizens, but also opens up risks of marginalization and new forms of exploitation: we must take responsibility for these transformations, not to combat a development that for many instances is irreversible, but to ensure in any way the respect for the essential rights of workers and to ensure that work is always an instrument of personal and human fulfillment.

Environment.
Government action will be constantly focused on the protection of the environment, on the hydro-geological safety of our territory, on the development of the circular economy.
With our political choices we will work to anticipate the processes, already in progress, of "decarbonisation" of our production system.
We do not want to passively assist the evolution of the reality that surrounds us, perhaps following the particular interests of individual economic actors, but we are committed to governing these processes, open to technological innovation, in the name of development at the service of mankind. We want to claim, even in this field, the "high" role of politics, which is capable of guiding and governing social, economic and cultural changes.
We are not ready to sacrifice the environment and the project for a blue economy to other purposes. We must immediately measure ourselves with the dilemmas of artificial intelligence and use big data to capture all the possibilities of the sharing economy.

International scenarios, markets and security
We intend first to reaffirm the convinced belonging of our country to the Atlantic Alliance, with the United States of America as a privileged ally.
We will be supporters of an openness to Russia, which has consolidated its international role in various geopolitical crises in recent years. We will promote a review of the sanctions system, starting with those that risk mortifying Russian civil society.
As is known, the processes of integration of the markets that have taken place in recent years made possible a complete redefinition of the relationship between politics, law, economy.
In the new global space, the economy or, better still, finance has conquered a position of dominance: it has become, as noted by Hillman, the true universal religion of our time.
Politics, but also law, have lost ground. We have difficulty pursuing strong and consistent political actions, as well as achieving effective and harmonious legal disciplines.
Politics, in particular, is struggling to govern such complex and integrated social and economic processes.
But the answer is not to deny the difficulties. We must find a way to strengthen, within supra-national structures, the processes of democratic legitimacy, strengthening the institutions that represent the will of the peoples.

Europe.
The elimination of the growth gap between Italy and the European Union is our goal, which must be pursued in a framework of financial stability and market confidence.
Italian public debt is fully sustainable today; however, its reduction must be pursued, but with a view to economic growth.
The fiscal and public spending policy should be oriented towards the pursuit of the objectives set for stable and sustainable growth.
In Europe these issues will be strongly brought forward for an adaptation of its governance, an adjustment already at the center of the reflection and discussion of all the member countries of the Union. We are optimistic about the outcome of these reflections and confident of our negotiating power, because we are facing a situation in which Italy's interests, at this stage of European construction, coincide with the general interests of Europe and with the objective of preventing its possible decline.
Europe is our home. As a founding country we have the full title to claim a stronger and even more equitable Europe, in which the economic and monetary union is oriented to protect the needs of its citizens, in order to more effectively balance the principles of responsibility and solidarity.

Political privileges.
In the years that are closer to us we have seen a reduction in public investment and a reduction in basic services. However, the privileges of politics and its spending have remained intact.
This Government intends to act decisively. The fight against the privileges of politics and wasteful spending is not merely a symbolic matter. If ordinary citizens face daily a thousand difficulties and humiliations because they do not have a job, have a pension below the threshold of dignity, work earning a derisory salary, it is not tolerable that the political class does not draw the due consequences in its own economic treatment. Otherwise, the citizens' trust pact with their institutions is broken.
There is a need to cut the pensions and annuities of parliamentarians, regional councilors and employees of constitutional bodies, by introducing for them the pension system of normal pensioners. The so-called golden pensions are another example of unjustified privilege that must be opposed. We will intervene on checks exceeding 5,000 euros per month in the part not covered by the contributions paid.
We will operate savings in all possible opportunities and I am convinced that we will cut large margins of intervention and will achieve significant results.

Justice .
In this matter, our goal is to rebuild the relationship of trust of citizens towards the "justice system". More recently there has been a decline in judicial protection initiatives. In reality, the demand for justice has not failed, but rather trials cost too much and last for too long. This applies to citizens and businesses, with the consequence that the low efficiency of the "justice service" is proving to be a limit to economic growth and a deterrent to foreign investors. In the contemporary economy, as sociologist Ulrick Beck recalls, the real danger is the "threat of non-invasion by investors, or their departure".
In the government contract some specific objectives are indicated: the simplification and the reduction of trials, the lowering of the access costs to justice, the strengthening of the guarantees of protection of the rights and interests of the citizens.
We will tighten penalties for crimes of sexual violence in addition to fair compensation for the victims. We will ensure "certainty of punishment" to prevent honest citizens from losing faith in justice.
Where necessary, we will increase the number of prisons also in order to ensure better conditions for the detained persons, without prejudice to the constitutionally provided rehabilitation function for the sentence, which requires the identification of adequate training and work paths.
We will also reform the statute of limitations, which must be returned to its original function and no longer reduced to a mere expedient to escape the due trial.

Contrast of corruption and criminal powers.
We will strengthen strategies to combat corruption and criminal powers.
We will contrast the corruption that creeps into all the interstices of public activities, alters the level playing field among entrepreneurs, degrades the prestige of public functions.
We will increase penalties for crimes against the public administration, with the introduction of the "daspo" for corrupt and corruptor. We will strengthen the action of undercover agents, in line with the Merida convention. Those who, from their workplace - be it private or public - will denounce the criminal behavior carried out within their offices will be more protected.
We will fight the mafias with every means, attacking their finances, their economies and hitting the networks of relationships that allow criminal organizations to become pervasive within the socio-economic fabric.

Conflict of interest
The conflict of interests is a worm that undermines our economic-social system to its roots, and prevents its development from taking place in accordance with the law and according to the rules of free competition. Subjects who are institutionally invested with the objective of pursuing collective interests, and who should take their initiatives to an impartial logic, in reality, are often surprised to pursue their personal self-interest.
We will strengthen the current legislation so as to extend the hypotheses of conflict to include any personal benefit, even indirect, that the agent can derive from his position or his own initiative. Furthermore, safeguards and checkpoints to prevent the occurrence of potential conflicts of interest must be strengthened.

Income and citizenship pension.
Even in Italy, as in other countries, inequalities have worsened and poverty has multiplied. Those who live in conditions of socio-economic distress are precluded from the possibility of fully developing their personality and participating effectively in the political, economic and social organization of our country, as foreseen by the second paragraph of article 3 of our Constitution.
The Government's goal is to provide income support for the families most affected by socio-economic hardship. The benefit will be commensurate with the composition of the family unit and will be conditional on vocational training and work reintegration.
We propose, in a first phase, to strengthen the employment centers, in order to stimulate the meeting between supply and demand of work with the maximum efficiency and speed possible. In the second phase, the actual financial support will be disbursed.
We will also take action to help pensioners who do not have enough income to live in a dignified manner, by introducing a citizenship pension.

Immigration
A first test of the new way in which we want to dialogue with European partners is certainly the immigration discipline. It is clear to all that the management of the migratory flows carried out so far has been a failure: Europe has allowed selfish closures of many member states that have ended up shifting on border states, and above all on our country, the burdens and difficulties which instead should have been shared.
For this reason we will strongly demand the overcoming of the Dublin Regulation in order to achieve effective compliance with the principle of fair sharing of responsibilities and to implement automatic systems for the compulsory relocation of asylum seekers. From the very first, positive conversation I had with Chancellor Angela Merkel, I stressed the importance of this theme and the subsequent statements made by the same during the last weekend show how full awareness is being asserted that Italy can not be left behind alone in the face of these challenges.
We are not and we will never be racist. We want the procedures aimed at ascertaining the status of refugees to be certain and quick, also in order to guarantee their rights more effectively.
We defend and will defend immigrants who arrive regularly on our territory, who work and become part of our communities respecting our laws and making a decisive contribution to our development. But to guarantee its indispensable integration, we must not only fight with stern determination the most odious forms of exploitation linked to the trafficking of human beings, perpetrated by unscrupulous smugglers, but also reorganize and make efficient the reception system, ensuring transparency on the use of public funds and eliminating all forms of infiltration of organized crime.
If the legal requirements for their stay are not met, we will work to make the return procedures effective and we will do our best to ensure that all third countries that want to make cooperation agreements with a member state of the Union have access to the European Union signing of bilateral migration management agreements.
A reflection deserves the tragic and disquieting event occurred a few days ago. Sacko Soumayla was shot dead: he was one of a thousand laborers, with a regular residence permit, who every day in this country go to work in conditions that fall below the threshold of dignity. Our heart is moved to him and his family. But this is not enough. Politics must take responsibility for the drama of these people and ensure legality routes, which constitute the polar star of this government program.

Tax reform
Our tax system is dated and no longer reflects the current socio-economic reality. Large corporations, operating in the transactional space, manage to hide their wealth in artificial paradises, while small businesses and small taxpayers remain crushed by high tax burden.
Kotler is right: capitalism needs to be rethought.
In the meantime, we intend to introduce revolutionary measures that lead to an integral review of the tax system of income for individuals and businesses.
Our fiscal pressure, combined with an excessive bureaucracy, in fact, negatively affects the quality of the tax relationship between the State and the tax payers, as well as the competitiveness of our country.
The objective is the "flat tax", that is a tax reform characterized by the introduction of fixed rates, with a system of deductions that can guarantee the progressivity of the tax, in full harmony with the constitutional principles. Only in this way will it be possible to achieve a drastic reduction in tax avoidance and evasion, with consequent benefits in terms of greater tax savings, greater propensity to consume and investments, and greater tax base.
In short, it is necessary to re-establish the relationship between the State and the tax payers, under the banner of good faith and mutual cooperation between the parties.
But a concept must be reiterated here with absolute clarity: the existing administrative and penal sanctions framework must be tightened up in order to ensure the true prison for the great evaders.

Scientific research
We are proud that this year eleven young Italian researchers will be awarded in the coming days, some for the second time, with the prestigious recognition (Merit Award 2018 of the Conquer Cancer Foundation), which identifies them among the best in the world for their work done on cancer. However, it is regrettable to note that many of them, like many colleagues who honor themselves in the various sectors of scientific research, have been forced to abandon our country to operate in universities and foreign research centers. Our schools and universities are able to form absolute excellences in all sectors, but unfortunately we are not able to keep them in our country, with a deficit that is both cultural and economic.
We want to reverse the trend, to offer to the best of our researchers - as well as to foreign researchers, to whom we must be attractive - concrete possibilities to continue their activities in our country, thus forming other scientists and together transferring the fruit of their work in our economic and productive fabric. Only through the development of the most advanced and innovative activities can we maintain in Italy the production chains that today constitute the backbone on which our wealth is based, giving a future of development and growth to our children and grandchildren.

Health.
The document of economy and finance already approved provides for a contraction of health expenditure. It will be the task of this Government to reverse this trend to ensure the necessary equity in access to care. The socio-economic differences can not, should not be discriminating for the protection of health for the citizens of our country.
We will pursue greater efficiency in the provision of services, both in terms of volumes, quality and outcomes of care, and in order to manage the accounts.
The Government will work in agreement with the regions and the autonomous provinces to implement more effective organizational models, able to guarantee a correct management of the patients, promoting the promotion and prevention of health through the integration of social and health services beyond that the enhancement of local medicine.
We want to reduce waiting times and we want the top management appointments in the healthcare world to be based on exclusively meritocratic criteria, strictly protected from undue political influences.

Internet.
The society of tomorrow will be increasingly characterized by the Internet: an infinite public space, which facilitates production and access to knowledge, creates opportunities for innovation, reduces the distance between citizens and places of democracy and increases the transparency of decision-making processes.
However, we are aware that the direction in which this technological progress develops is not neutral. We must ensure that this direction of development is fully compatible with the protection of fundamental human rights and with the needs of the community.
We need to strengthen certain guarantees, both legal and institutional, in order to allow the definitive affirmation of digital citizenship.
Internet access must be guaranteed to all citizens as a fundamental right and a precondition for the effective exercise of democratic rights, in accordance with the second paragraph of art. 3 Cost.
However, it is necessary to ensure a high level of protection of personal data, as there is a virtuous circle between rights protection, use of the network, social inclusion and economic growth.

Subsidiarity and the third sector.
Government action will also be sensitive to the principle of subsidiarity, which requires limiting the action of public authorities when the initiative of individuals, single or organized in associative structures, can be more efficient.
We are aware that the third sector and all the bodies that crowd it (voluntary associations, social promotion, social cooperation, which pursue solidarity on the international level) offer models of sustainable development, which contribute to creating a solidarity circuit that fosters the fragile and the most needy people.
Non-profit initiatives often take place in the spaces of our society where suffering is most intense: they contribute to reducing inequalities, to reinforcing social cohesion, helping to shape a better future.
We intend to put in place all measures, including corrective measures, which allow the full realization of an effective reform of the third sector, which is also effective in terms of fiscal impacts.
I would like here to recall, in particular, the contribution to improving the quality of life offered by sporting practice and ensured by the experiences of volunteering, through thousands of small amateur sports associations.
This is a dimension of the world of sport that we intend to protect and enhance.

Businesses and development.
We are aware that the revival of our economy goes through the spirit of initiative and the qualities of many small entrepreneurs, professionals, traders and artisans, who, through a thousand difficulties, keep up the tradition of commitment and hard work that is one of the most authentic characteristics of our productive fabric, at all levels, in all sectors.
We aim to create a favorable context for them, working in such a way that the public administration is not an adversary to be defended against, but an ally with which to cooperate.
We will act in such a way as to favor companies that innovate, that hire new staff, that respect the rules of free competition.
We intend to promote companies that adopt socially responsible practices, which base their economic initiatives on the precautionary principle, in order to prevent the negative impact of their actions on the environment and to ensure an environment that is suitable to protect workers' rights.
We will promote a discipline that fully revises the traditional bankruptcy law, in the name of a much broader approach, which, abandoning purely sanctioning logic, is worthy of disciplining and defining, in an organic way, the phenomenon of the so-called "business crisis".

Dialogue with the social partners.
This Government aims to recover in new and more effective forms the social dialogue with the various representative associations of workers and enterprises. We should redefine, on the basis of objective criteria, the principle of representativeness, in full transparency.
In this way we will get everyone to be invited, each according to their own sensibilities and skills, to give new impetus to their initiatives, in the awareness that their commitment and their proposals, if inspired by the general interest of the country and the various communities even local, will be appreciated and taken into account.
All the multiple positive energies of our country must be restarted chorally. Returning vitality to the industry, especially exporters, to the fabric of countless small and medium-sized businesses in the field of trade, services and crafts, to authentic cooperatives, to the agricultural world and its supply chains that promote Made in Italy in the world, to transparent banks and to the service of the real economy.

Simplification, deburocratization, digitalization.
We will devote much attention to simplification, deburocratization and digitization.
I want to summarize only a detail on the subject of public procurement. We must restore momentum to public procurement, which can become a fundamental lever of the country's economic policy, guaranteeing sustainable development and increasing employment. In recent years, this sector is going through a phase of arrest, determined for the most part also by the uncertainties of interpretation and certain rigidities generated by the new code of public contracts.
We must overcome formalism as an end in itself which still largely dominates procurement discipline, since form can not be mistaken for legality: too often formally perfect tenders conceal corruption and do not prevent bad execution.
We must ensure strict compliance with the delivery times of the works but also the quality of the work and supplies and the efficiency of the services.

On the system of voting abroad and on the protection of regions with special autonomy.
The Government will pay due attention also to the legitimate requests that will come from Parliamentarians elected abroad. We have already begun to meditate on the criticalities of the voting system abroad and on the need to introduce appropriate measures to prevent the risk that the vote be accompanied by fraud.
We will work to safeguard the regions with special autonomy, in the North and South of the country, in the belief that proximity, subsidiarity and responsibility, where locally concentrated, can contribute to improving the quality of life of our citizens.

On the centrality of Parliament and on opposition parliamentary groups.
A specific consideration I address to the parliamentary groups that will place themselves in opposition.
This government is not an expression of your feeling, but also opens to your evaluations. In respect of the roles, if you confirm not to support this government initiative, I ask you, however, to exercise your opposition prerogatives in a constructive and loyal way. Institutions are not the assets of a single political force but are the home of all Italians and mark the quality of our legal system and our civil life.
An even firm but loyal and constructive opposition is the salt of political dialectics and serves for the proper functioning of the "parliamentary institution" and of the whole democratic system.
Also in order to honor the centrality of Parliament, I anticipate from now on that it is my intention to apply the institute of questions for immediate response, in accordance with the provisions of the Chamber and the Senate.
In this way, we will be able to constantly confront each other and through your mediation I will be allowed to speak with the citizens you represent.
The presence of the Government in the Halls and in the Parliamentary Commissions will also be assured, with force, by all the Ministers, who, according to their respective competences, will answer your questions.
Personally, I commit myself to respect the dissenting opinions and the contrary assessments that will arise from these benches and to convey within the government team the positions that will be useful to offer greater solidity and effectiveness to the actions of the Government.
We will also be available to evaluate, during the course of work, the contribution of parliamentary groups that will want to share our journey and, if necessary, to join the government contract, offering a more stable contribution to the realization of our program.

I dedicate a final thought to the victims of earthquakes. My first public visit, in Italy, will be dedicated to them.

I came to the end of my speech. The people expressed themselves and asked for change. Now the word is up to you. Your vote today will be part of the history of the country. Thank you all.

Original content: 

Signora Presidente, Onorevoli Deputate e Onorevoli Deputati,

desidero innanzi tutto rivolgere un saluto al Presidente della Repubblica, che rappresenta l’unità nazionale e che ha accompagnato le prime - non facili - fasi di formazione di questo Governo.
Entrando per la prima volta in quest’aula e nel parlarVi oggi, avverto pesante la responsabilità per ciò che questo luogo rappresenta. Esso conserva la memoria di molti e significativi passaggi della nostra istituzionale.
Ma la maniera migliore che abbiamo, oggi, di onorare questa nobile tradizione è offrire risposte concrete ai bisogni dei cittadini. La crescente disaffezione verso le istituzioni, la progressiva perdita di prestigio di chi ha l’onore di ricoprire cariche al loro interno devono spingere tutti noi ad un supplemento di responsabilità che passa necessariamente attraverso una maggiore apertura nei confronti delle istanze reali che vengono da chi vive fuori da questi palazzi.
Il ruolo e l’autorevolezza di Governo e Parlamento non possono basarsi esclusivamente sugli altissimi compiti che ad essi assegna la nostra Carta fondamentale, ma vanno conquistati giorno dopo giorno, operando con “disciplina e onore”, mettendo da parte le convenienze personali e dimostrando di meritare tali gravose responsabilità.

Il contratto.
Con questo spirito e questa consapevolezza, oggi ci presentiamo a Voi per chiedere la fiducia a favore non solo di una squadra di governo, ma anche di un progetto per il cambiamento dell’Italia. Un progetto che è stato formalizzato sotto forma di contratto dalle due forze politiche che formano la maggioranza parlamentare, composto a partire dai programmi elettorali presentati alle elezioni e votati dalla maggioranza degli italiani, nonché ulteriormente legittimato dalle votazioni a cui le due forze politiche hanno chiamato i rispettivi iscritti e sostenitori.
Il programma di governo, i cui contenuti anche chi Vi parla ha condiviso – pur in via discreta – sin dalla fase della sua elaborazione, è quindi forte di una duplice legittimazione, formale e sostanziale.
Gli obiettivi che la nostra squadra di governo si ripromette di raggiungere sono affidati alla pagina scritta, perché le forze politiche che compongono la maggioranza li hanno dichiarati in modo trasparente, vincolandosi ad adottare tutte le iniziative e le misure necessarie a perseguirli. Solo una volta messi a punto i contenuti del contratto, entrambe le forze politiche, in seguito alle vicissitudini che ben conosciamo, hanno deciso, di comune accordo, di proporre al capo dello Stato il mio nome per assumere la guida del Governo.
Sono grato a chi, rinunciando a legittime ambizioni personali, ha saputo porre davanti a tutto l’interesse generale, per un progetto che supera le persone chiamate a portarlo avanti, e che mi fa avvertire, ancora più intensamente, la responsabilità che mi sono assunto, ben consapevole delle prerogative che l’art. 95 della Costituzione assegna al Presidente del Consiglio dei Ministri.
Come è noto, non ho pregresse esperienze politiche. Sono un cittadino che, in virtù dell’esperienza di studio e professionale maturata, si è dichiarato disponibile, nel corso della campagna elettorale, ad assumere eventuali responsabilità di governo con una delle due forze politiche e, successivamente, ad accettare l’incarico di formare e dirigere il Governo, rendendosi anche garante dell’attuazione del “Contratto per il Governo del cambiamento”.
Assumo questo compito con umiltà, ma anche con determinazione; con la consapevolezza dei miei limiti, ma anche con la passione e con l’abnegazione di chi comprende il peso delle altissime responsabilità che gli sono affidate. Non sono mosso da null’altro che da spirito di servizio. Sono profondamente onorato di poter offrire il mio impegno e le mie competenze per difendere gli interessi dei cittadini di questo meraviglioso Paese. Come già ho avuto modo di anticipare, mi propongo a Voi e - attraverso Voi - ai cittadini, come l’avvocato che tutelerà gli interessi del popolo italiano.

Il cambiamento.
Qualcuno ha considerato queste novità in termini di netta cesura con le prassi istituzionali che sin qui hanno accompagnato la storia repubblicana, quasi un attentato alle convenzioni non scritte che hanno caratterizzato l’ordinario percorso istituzionale del nostro Paese.
Tutto vero. Dirò di più. Non credo si tratti di una semplice novità. La verità è che abbiamo apportato un cambiamento radicale del quale siamo orgogliosi: rispetto a prassi che prevedevano valutazioni scambiate nel chiuso di conciliaboli tra leader politici, perlopiù incentrate sulla ripartizione di ruoli personali e ben poco sui contenuti del programma, noi inauguriamo una stagione nuova, non nascondendo le difficoltà e le rinunce reciproche, nel segno della trasparenza e della chiarezza nei confronti degli elettori.
Presentarsi oggi nel segno del cambiamento non è, quindi, un’espressione retorica o propagandistica, ma una scelta fondata sulla necessità di aprirsi al vento nuovo che soffia da tempo nel Paese e che ha prodotto, all’esito delle elezioni politiche dello scorso 4 marzo, una geografia del consenso politico completamente inedita.

Vecchie e nuove categorie politiche.
Non esistono più forze politiche che esprimono, come un tempo, complessive visioni del mondo, che ispirano la loro azione - vale a dire - in base a sistemi ideologici perfettamente identificabili.
Il tramonto delle ideologie forti risale a decenni or sono ed è dimostrato dal fatto che gli ultimi governi hanno promosso iniziative politiche di difficile collocazione secondo le categorie politiche più tradizionali.
Il contratto posto a fondamento del nostro governo è stato giudicato, a seconda dei punti di vista, di destra o di sinistra.
Rispettiamo chi ha voluto svolgere tali analisi, ma non possiamo che segnalarne l’insufficienza, l’incapacità di comprendere i bisogni profondi che vengono dal Paese. Personalmente ritengo più proficuo distinguere gli orientamenti politici in base all’intensità del riconoscimento dei diritti e delle libertà fondamentali della persona.
Vero è che noi vogliamo rivendicare, per l’azione di governo, nuovi criteri di valutazione: pragmaticamente ci assumiamo la responsabilità di affermare che, qui e oggi, ci sono politiche vantaggiose o svantaggiose per i cittadini e per il nostro Paese, politiche che riescono ad assicurare il benessere e una migliore qualità di vita dei cittadini e politiche che invece compromettono questi obiettivi.
Le forze politiche che integrano la maggioranza di governo sono state accusate di essere “populiste” e “anti-sistema”. Sono formule linguistiche che ciascuno può declinare liberamente.
Se “populismo” è l’attitudine della classe dirigente ad ascoltare i bisogni della gente – prendo spunto da riflessioni di Dostoevskij tratte dalle pagine di Puskin –, se “anti-sistema” significa mirare a introdurre un nuovo sistema, che rimuova vecchi privilegi e incrostazioni di potere, ebbene queste forze politiche meritano entrambe queste qualificazioni.
Ma a voler leggere con attenzione il contratto di governo, emerge come questa attenzione ai bisogni dei cittadini sia condotta nel segno alto della Politica, con la - P – maiuscola, con l’obiettivo di dare concreta attuazione ai valori fondanti della nostra Costituzione.
Nel contratto, accanto a misure più immediate, sono presenti anche più profonde riforme di carattere strutturale.
Se vogliamo restituire all’azione di governo un più ampio orizzonte di senso, dobbiamo mostrarci capaci di alzare lo sguardo, sforzandoci di perseguire i bisogni reali dei cittadini in una prospettiva di medio-lungo periodo. Diversamente la politica perde di vista il “principio-responsabilità”, che impone di agire - come il filosofo Jonas invitava a considerare - non solo guardando al bisogno immediato, che rischia di tramutarsi in mero tornaconto, ma progettando anche la società che vogliamo lasciare ai nostri figli e ai nostri nipoti.

Cambiamento nel metodo.
Il cambiamento non sarà solo nelle parole e nello stile, ma soprattutto nel metodo e nei contenuti.
Dal punto di vista metodologico, la nostra iniziativa si articolerà su tre fronti.
L’ascolto. Perché prima di tutto vengono i bisogni dei cittadini. In questo, ovviamente ci aiuteranno anche il Parlamento e i nuovi strumenti di democrazia diretta che il contratto si propone di introdurre.
L’esecuzione. Vogliamo essere pragmatici. Se una norma, un ente o un istituto non funziona è giusto abolirlo, se funziona è giusto potenziarlo, se manca è giusto crearlo.
Il controllo. I provvedimenti che adotteremo hanno degli obiettivi che devono essere raggiunti: saremo i primi a monitorare con severità e rigore la loro efficacia, intervenendo immediatamente con le necessarie correzioni.
Ascolto, esecuzione, controllo. Saranno questi i tre pilastri dell’azione di governo, nel segno della piena trasparenza.

Cambiamento nei contenuti.
Il cambiamento, come appena anticipato, sarà anche nei contenuti. Cambia ad esempio il fatto che la prima preoccupazione del Governo saranno i diritti sociali, che nel corso degli ultimi anni sono stati progressivamente smantellati con i risultati che conosciamo: milioni di poveri, milioni di disoccupati, milioni di sofferenti. E’ ora di dire che i cittadini italiani hanno diritto a un salario minimo orario, affinché nessuno venga più sfruttato, che hanno diritto a un reddito di cittadinanza e a un reinserimento al lavoro qualora si ritrovino disoccupati, che hanno diritto a una pensione dignitosa, che hanno diritto a pagare in maniera semplice tasse eque. C’è di nuovo che il debito pubblico lo vogliamo ridurre, ma vogliamo farlo con la crescita della nostra ricchezza, non con le misure di austerità che, negli ultimi anni, hanno contribuito a farlo lievitare.
Il cambiamento è in una giustizia rapida ed efficiente e dalla parte dei cittadini, con nuovi strumenti come la class action, l’equo indennizzo per le vittime di reati violenti, il potenziamento della legittima difesa. Cambia che metteremo fine al business dell’immigrazione, cresciuto a dismisura sotto il mantello di una finta solidarietà. Cambia che combatteremo la corruzione con metodi innovativi come il “daspo” ai corrotti e con l’introduzione dell’agente sotto copertura. Cambia che vogliamo un Paese a misura dei cittadini diversamente abili - e sono alcuni milioni - che troppo spesso si ritrovano abbandonati a se stessi e alle loro famiglie. Cambia che vogliamo rescindere il legame tra politica e sanità, per rendere quest’ultima finalmente efficiente su tutto il territorio nazionale. Cambia che aumenteremo fondi, mezzi e dotazioni per garantire la sicurezza in ogni città. Cambia che presteremo adeguata attenzione alle famiglie, specialmente quelle in difficoltà. Ho richiamato solo alcune parti del contratto, ma se anche realizzassimo solo le innovazioni che ho appena enunciato, i cittadini percepirebbero immediatamente che il vento nuovo non ha soffiato invano.
Percepirebbero che il vento del cambiamento sta soffiando dappertutto: nelle grandi città e nei piccoli comuni. Percepirebbero che la loro qualità della vita è migliorata e si sentirebbero anche più uniti e orgogliosi di vivere in questo nostro bellissimo Paese. Questo è in definitiva il nostro obiettivo.

Su alcuni specifici temi.
Non mi soffermerò in dettaglio a illustrare tutti i singoli obiettivi che abbiamo posto a fondamento di quest’azione di governo e che sono indicati nel contratto.
Di seguito, tuttavia, riassumerò alcune indicazioni su alcuni temi più rilevanti e anticiperò anche in quale direzione si esplicherà il mio personale e più specifico contributo.

Lavoro.
In questo tempo di crisi e difficoltà ci impegniamo a dare sostanza alla previsione contenuta nel primo articolo della nostra Costituzione, che fonda la Repubblica sul lavoro. Vogliamo costruire un nuovo patto sociale trasparente ed equo, fondato sulla solidarietà ma anche sull’impegno, consapevoli che solo con la partecipazione di tutti allo sviluppo del Paese potremo garantire un futuro di prosperità anche ai nostri figli.
Vogliamo dare voce ai tanti giovani che non trovano lavoro: a quelli che sono costretti a trasferirsi all’estero e a quelli che rimangono qui inattivi, che si rinchiudono in se stessi e si avviliscono.
In un caso come nell’altro finiamo per dissipare preziose risorse del nostro Paese.
Vogliamo dare voce alle tante donne, spesso più istruite e tenaci degli uomini, e che sul posto di lavoro sono ancora inaccettabilmente discriminate e meno pagate, e che si sentono sole quando decidono di mettere al mondo un bambino.
La diffusione di nuove tecnologie e dell’economia della condivisione crea nuove opportunità imprenditoriali e rende disponibili servizi innovativi per i cittadini, ma apre anche a rischi di marginalizzazione e a nuove forme di sfruttamento: dobbiamo farci carico di tali trasformazioni, non per combattere uno sviluppo per molti versi irreversibile, ma per assicurare in ogni caso il rispetto dei diritti essenziali dei lavoratori e per garantire che il lavoro sia sempre strumento di realizzazione personale e umana.

Ambiente.
L’azione di governo sarà costantemente incentrata sulla tutela dell’ambiente, sulla sicurezza idro-geologica del nostro territorio, sullo sviluppo dell’economia circolare.
Con le nostre scelte politiche ci adopereremo per anticipare i processi, peraltro già in atto, di “decarbonizzazione” del nostro sistema produttivo.
Non vogliamo assistere passivamente all’evolversi della realtà che ci circonda, magari assecondando gli interessi particolari di singoli attori economici, ma ci impegniamo a governare questi processi aperti all’innovazione tecnologica, nel segno dello sviluppo al servizio dell’uomo. Vogliamo rivendicare, anche in questo campo, il ruolo “alto” della politica, che sia capace di orientare e governare i cambiamenti della realtà sociale, economica e culturale.
Non siamo disponibili a sacrificare l’ambiente e il progetto di una blue economy per altri scopi. Dobbiamo misurarci da subito con i dilemmi della intelligenza artificiale e utilizzare i big data per cogliere tutte le possibilità della sharing economy.

Scenari internazionali, mercati e sicurezza
Intendiamo preliminarmente ribadire la convinta appartenenza del nostro Paese all’Alleanza atlantica, con gli Stati Uniti d’America quale alleato privilegiato.
Saremo fautori di una apertura alla Russia, che ha consolidato negli ultimi anni il suo ruolo internazionale in varie crisi geopolitiche. Ci faremo promotori di una revisione del sistema delle sanzioni, a partire da quelle che rischiano di mortificare la società civile russa.
Come è noto, i processi di integrazione dei mercati che si sono realizzati negli ultimi anni hanno operato una completa ridefinizione dei rapporti tra politica, diritto, economia.
Nel nuovo spazio globale, l’economia o, meglio ancora, la finanza ha conquistato una posizione di preminenza: è divenuta, come ha osservato Hillman, la vera religione universale del nostro tempo.
La politica, ma anche il diritto, hanno perso terreno. Abbiamo difficoltà a perseguire forti e coerenti azioni politiche, come pure a realizzare efficaci e armoniose discipline giuridiche.
La politica, in particolare, stenta a governare processi sociali ed economici così complessi e integrati.
Ma la risposta non è negare le difficoltà. Dobbiamo trovare il modo di rafforzare, all’interno delle strutture sovranazionali, i processi di legittimazione democratica, potenziando le istituzioni rappresentative della volontà dei popoli.

L’Europa.
L’eliminazione del divario di crescita tra l’Italia e l’Unione Europea è un nostro obiettivo, che dovrà essere perseguito in un quadro di stabilità finanziaria e di fiducia dei mercati.
Il debito pubblico italiano è oggi pienamente sostenibile; va comunque perseguita la sua riduzione, ma in una prospettiva di crescita economica.
La politica fiscale e di spesa pubblica dovrà essere orientata al perseguimento degli obiettivi richiamati di crescita stabile e sostenibile.
In Europa verranno portati con forza questi temi per un adeguamento della sua governance, un adeguamento già al centro della riflessione e della discussione di tutti i paesi membri dell’Unione. Siamo ottimisti sul risultato di queste riflessioni e fiduciosi della nostra forza negoziale, perché siamo di fronte a una situazione in cui gli interessi dell’Italia, in questa fase della costruzione europea, coincidono con gli interessi generali dell’Europa e con l’obiettivo di prevenire un suo eventuale declino.
L’Europa è la nostra casa. Quale Paese fondatore abbiamo il pieno titolo di rivendicare un’Europa più forte e anche più equa, nella quale l’Unione economica e monetaria sia orientata a tutelare i bisogni dei cittadini, per bilanciare più efficacemente i princìpi di responsabilità e di solidarietà.

Privilegi della politica.
Negli anni a noi più prossimi abbiamo visto ridurre gli investimenti pubblici e comprimere i servizi fondamentali. Sono rimasti intatti, tuttavia, i privilegi della politica e i suoi sprechi.
Questo Governo intende agire con risolutezza. La lotta ai privilegi della politica e agli sprechi non è una questione meramente simbolica. Se i comuni cittadini affrontano quotidianamente mille difficoltà e umiliazioni perché non hanno un lavoro, hanno una pensione al di sotto della soglia della dignità, lavorano guadagnando un salario irrisorio, non è tollerabile che la classe politica non ne tragga le dovute conseguenze in ordine al proprio trattamento economico. Diversamente, si rompe il patto di fiducia dei cittadini nei confronti delle proprie istituzioni.
Occorre operare un taglio alle pensioni e ai vitalizi dei parlamentari, dei consiglieri regionali e dei dipendenti degli organi costituzionali, introducendo anche per essi il sistema previdenziale dei normali pensionati. Le cosiddette pensioni d’oro sono un altro esempio di ingiustificato privilegio che va contrastato. Interverremo sugli assegni superiori ai 5.000 euro netti mensili nella parte non coperta dai contributi versati.
Opereremo risparmi in tutte le sedi possibili e sono convinto che ci ritaglieremo ampi margini di intervento e conseguiremo risultati significativi.

Giustizia.
In questa materia il nostro obiettivo è ricostruire il rapporto di fiducia dei cittadini nei confronti del “sistema giustizia”. Più di recente si è registrato un declino delle iniziative di tutela giudiziaria. In realtà, non è venuta meno la domanda di giustizia, ma piuttosto i processi costano troppo e durano troppo a lungo. Questo vale per i cittadini e per le imprese, con la conseguenza che la scarsa efficienza del “servizio giustizia” si sta rivelando un limite alla crescita economica e un deterrente nei confronti degli investitori stranieri. Nell’economia contemporanea, come ricorda il sociologo Ulrick Beck, il vero pericolo è la «minaccia di non invasione da parte degli investitori, oppure la loro partenza».
Nel contratto di governo sono indicati alcuni precisi obiettivi: la semplificazione e la riduzione dei processi, l’abbassamento dei costi di accesso alla giustizia, il rafforzamento delle garanzie di tutela dei diritti e degli interessi dei cittadini.
Inaspriremo le pene per il reato di violenza sessuale oltre all’equo indennizzo a favore delle vittime. Assicureremo la “certezza della pena” onde evitare che i cittadini onesti perdano fiducia nella giustizia.
Ove necessario, aumenteremo il numero di istituti penitenziari anche al fine di assicurare migliori condizioni alle persone detenute, ferma restando la funzione riabilitativa costituzionalmente prevista per la pena, che impone di individuare adeguati percorsi formativi e lavorativi.
Riformeremo anche la prescrizione, che deve essere restituita alla sua funzione originaria, non più ridotta a mero espediente per sottrarsi al giusto processo.

Contrasto della corruzione e dei poteri criminali.
Rafforzeremo le strategie di contrasto della corruzione e dei poteri criminali.
Contrasteremo la corruzione che si insinua in tutti gli interstizi delle attività pubbliche, altera la parità di condizioni tra gli imprenditori, degrada il prestigio delle funzioni pubbliche.
Aumenteremo le pene per i reati contro la pubblica amministrazione, con introduzione del “daspo” per corrotti e corruttori. Rafforzeremo l’azione degli agenti sotto copertura, in linea con la convenzione di Merida. Saranno maggiormente tutelati coloro che, dal proprio luogo di lavoro – sia esso privato o pubblico –, denunceranno i comportamenti criminosi compiuti all’interno dei propri uffici.
Contrasteremo con ogni mezzo le mafie, aggredendo le loro finanze, le loro economie e colpendo le reti di relazioni che consentono alle organizzazioni criminali di rendersi pervasive nell’ambito del tessuto socio-economico.

Conflitto di interessi
Il conflitto di interessi è un tarlo che mina il nostro sistema economico-sociale fin nelle sue radici, e impedisce che il suo sviluppo avvenga nel rispetto della legalità e secondo le regole della libera competizione. Soggetti che sono istituzionalmente investiti dell’obiettivo di perseguire interessi collettivi, e che dovrebbero improntare le loro iniziative a una logica imparziale, in realtà, vengono sovente sorpresi a perseguire il proprio tornaconto personale.
Rafforzeremo la normativa attuale in modo da estendere le ipotesi di conflitto fino a ricomprendervi qualsiasi utilità, anche indiretta, che l’agente possa ricavare dalla propria posizione o dalla propria iniziativa. Occorre rafforzare, inoltre, le garanzie e i presidi utili a prevenire l’insorgenza di potenziali conflitti di interesse.

Reddito e pensione di cittadinanza.
Anche in Italia, come in altri paesi, le diseguaglianze si sono aggravate e le povertà si sono moltiplicate. A coloro che vivono condizioni di disagio socio-economico è preclusa la possibilità di sviluppare appieno la propria personalità e di partecipare in modo effettivo all’organizzazione politica, economica e sociale del nostro Paese, come previsto dal secondo comma dell’articolo 3 della nostra Costituzione.
L’obiettivo del Governo è assicurare un sostegno al reddito a favore delle famiglie più colpite dal disagio socio-economico. Il beneficio verrà commisurato alla composizione del nucleo famigliare e sarà condizionato alla formazione professionale e al reinserimento lavorativo.
Ci proponiamo, in una prima fase, di rafforzare i centri per l’impiego, in modo da sollecitare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro con la massima efficienza e celerità possibili. Nella seconda fase, verrà erogato il sostegno economico vero e proprio.
Ci premureremo di intervenire anche a favore dei pensionati che non hanno un reddito sufficiente per vivere in modo dignitoso, introducendo una pensione di cittadinanza.

Immigrazione
Un primo banco di prova del nuovo modo in cui vogliamo dialogare con i partner europei è certamente la disciplina dell’immigrazione. È a tutti evidente come la gestione dei flussi migratori finora attuata ha rappresentato un fallimento: l’Europa ha consentito chiusure egoistiche di molti stati membri che hanno finito per scaricare sugli stati frontalieri, ed in primo luogo sul nostro Paese, gli oneri e le difficoltà che invece avrebbero dovuto essere condivisi.
Per questo chiederemo con forza il superamento del Regolamento di Dublino al fine di ottenere l’effettivo rispetto del principio di equa ripartizione delle responsabilità e realizzare sistemi automatici di ricollocamento obbligatorio dei richiedenti asilo. Fin dal primo, positivo colloquio che ho avuto con la cancelliera Angela Merkel ho rimarcato l’importanza di questo tema e le successive dichiarazioni rilasciate dalla medesima durante lo scorso fine settimana dimostrano come si stia affermando la piena consapevolezza che l’Italia non può essere lasciata sola di fronte a tali sfide.
Non siamo e non saremo mai razzisti. Vogliamo che le procedure mirate all’accertamento dello status di rifugiato siano certe e veloci, anche al fine di garantire più efficacemente i loro diritti.
Difendiamo e difenderemo gli immigrati che arrivano regolarmente sul nostro territorio, lavorano e si inseriscono nelle nostre comunità rispettandone le leggi e dando un contributo decisivo allo sviluppo. Ma per garantirne l’indispensabile integrazione, dobbiamo non solo combattere con severa determinazione le forme più odiose di sfruttamento legate al traffico di esseri umani, perpetrate da scafisti privi di scrupoli, ma anche riorganizzare e rendere efficiente il sistema dell’accoglienza, assicurando trasparenza sull’utilizzo dei fondi pubblici ed eliminando ogni forma di infiltrazione della criminalità organizzata.
Ove non ricorrano i presupposti di legge per la loro permanenza, ci adopereremo al fine di rendere effettive le procedure di rimpatrio e ci adopereremo affinché anche in sede europea tutti i Paesi terzi che vorranno stringere accordi di cooperazione con un Paese membro dell’Unione acceda alla sottoscrizione di accordi bilaterali di gestione dei flussi migratori.
Una riflessione merita la vicenda tragica e inquietante occorsa qualche giorno or sono. Sacko Soumayla è stato ucciso con un colpo di fucile: era uno tra i mille braccianti, con regolare permesso di soggiorno, che tutti i giorni in questo paese si recano al lavoro in condizioni che si collocano al di sotto della soglia della dignità. A lui e ai suoi familiari va il nostro commosso pensiero. Ma questo non basta. La politica deve farsi carico del dramma di queste persone e garantire percorsi di legalità, che costituiscono la stella polare di questo programma di governo.

Riforma tributaria
Il nostro sistema tributario è datato e non rispecchia più l’attuale realtà socio-economica. Le grandi società, che operano nello spazio transazionale, riescono a nascondere le loro ricchezze nei paradisi artificiali, mentre le piccole aziende e i piccoli contribuenti rimangono schiacciati da un’elevata pressione fiscale.
Ha ragione Kotler: occorre ripensare il capitalismo.
Nel frattempo, ci ripromettiamo di introdurre misure rivoluzionarie che conducano a una integrale revisione del sistema impositivo dei redditi delle persone fisiche e delle imprese.
La nostra pressione fiscale, unita a un eccesso di burocrazia, infatti, incidono negativamente sulla qualità del rapporto tributario tra lo Stato e i contribuenti, nonché sulla competitività del nostro Paese.
L’obiettivo è la “flat tax”, ovvero una riforma fiscale caratterizzata dall’introduzione di aliquote fisse, con un sistema di deduzioni che possa garantire la progressività dell’imposta, in piena armonia con i principi costituzionali. Solo così sarà possibile pervenire a una drastica riduzione dell’elusione e dell’evasione fiscale, con conseguenti benefici in termini di maggiore risparmio di imposta, maggiore propensione al consumo e agli investimenti, maggiore base imponibile.
È insomma necessario rifondare il rapporto tra Stato e contribuenti, all’insegna della buona fede e della reciproca collaborazione tra le parti.
Ma un concetto deve essere qui ribadito con assoluta chiarezza: occorre inasprire l’esistente quadro sanzionatorio amministrativo e penale, al fine di assicurare il carcere vero per i grandi evasori.

Ricerca scientifica
Siamo orgogliosi che quest’anno ben undici fra giovani ricercatrici e ricercatori italiani saranno insigniti nei prossimi giorni, alcuni per la seconda volta, col prestigioso riconoscimento (Merit Award 2018 della Conquer Cancer Foundation), che li individua fra i migliori nel mondo per i loro lavori condotti sul cancro. Spiace però constatare che molti di loro, al pari di tanti colleghi che si fanno onore a livello globale nei diversi settori della ricerca scientifica, siano stati costretti ad abbandonare il nostro paese per operare in università e centri di ricerca stranieri. Le nostre scuole e università sono in grado di formare eccellenze assolute in tutti i settori, ma purtroppo non siamo in grado di mantenerli nel nostro paese, con un deficit che è insieme culturale ed economico.
Vogliamo invertire la rotta, offrire ai migliori dei nostri ricercatori - come pure ai ricercatori stranieri, nei confronti dei quali dobbiamo essere attrattivi - concrete possibilità di proseguire le proprie attività nel nostro Paese, così formando altri scienziati ed insieme trasferendo il frutto dei loro lavoro nel nostro tessuto economico e produttivo. Solo attraverso lo sviluppo delle attività più avanzate e innovative potremo mantenere in Italia le filiere produttive che oggi costituiscono l’ossatura su cui si fonda la nostra ricchezza, regalando un futuro di sviluppo e crescita ai nostri figli e nipoti.

Sanità.
Il documento di economia e finanza già deliberato prevede una contrazione della spesa sanitaria. Sarà compito di questo Governo invertire questa tendenza per garantire la necessaria equità nell’accesso alle cure. Le differenze socioeconomiche non possono, non devono risultare discriminanti ai fini della tutela della salute per i cittadini del nostro Paese.
Perseguiremo una maggiore efficienza nell’erogazione dei servizi, sia in ordine ai volumi, alla qualità e agli esiti delle cure, sia in ordine alla gestione dei conti.
Il Governo lavorerà d’intesa con le regioni e le province autonome per implementare modelli organizzativi più efficaci, in grado di garantire una corretta presa in carico dei pazienti, favorendo la promozione e la prevenzione della salute attraverso l’integrazione dei servizi socio-sanitari oltre che il potenziamento della medicina del territorio.
Vogliamo ottenere la riduzione dei tempi delle liste d’attesa e vogliamo che le nomine apicali delle strutture manageriali nel mondo della sanità avvenga in base a criteri esclusivamente meritocratici, rigorosamente al riparo da indebite influenze politiche.

Internet.
La società del domani sarà sempre più caratterizzata da Internet: uno spazio pubblico infinito, che facilita la produzione e l’accesso alla conoscenza, crea opportunità di innovazione, riduce la distanza tra i cittadini e i luoghi della democrazia e aumenta la trasparenza dei processi decisionali.
Siamo però consapevoli che la direzione verso cui questo progresso tecnologico si sviluppa non è neutra. Dobbiamo far si che questa direzione di sviluppo sia pienamente compatibile con la tutela dei diritti fondamentali della persona e con le esigenze della collettività.
Dobbiamo rafforzare alcune garanzie, giuridiche e istituzionali, in modo da consentire la definitiva affermazione della cittadinanza digitale.
L’accesso a Internet va assicurato a tutti i cittadini in quanto diritto fondamentale e precondizione dell’effettivo esercizio dei diritti democratici, ai sensi del secondo comma dell’art. 3 Cost.
Occorre però assicurare un elevato livello di protezione dei dati personali, in quanto sussiste un circolo virtuoso tra tutela dei diritti, uso della rete, inclusione sociale e crescita economica.

Sussidiarietà e terzo settore.
L’azione di governo sarà sensibile anche al principio di sussidiarietà, che impone di limitare l’azione dei pubblici poteri quando l’iniziativa dei privati, singoli oppure organizzati in strutture associative, possa rivelarsi più efficiente.
Siamo consapevoli che il terzo settore e tutti gli organismi che lo affollano (associazioni di volontariato, di promozione sociale, di cooperazione sociale, che perseguono la solidarietà sul piano internazionale) offrono modelli di sviluppo sostenibile, che contribuiscono a realizzare un circuito di solidarietà che favorisce le persone fragili e più bisognose.
Le iniziative non profit sovente si inseriscono negli spazi della nostra società dove più intensa si avverte la sofferenza: contribuiscono a ridurre le diseguaglianze, a rafforzare la coesione sociale, aiutano a disegnare un futuro migliore.
Intendiamo porre in essere tutti i provvedimenti, anche correttivi, che consentano la piena realizzazione di una efficace riforma del terzo settore, che sia effettiva anche sul piano delle ricadute fiscali.
Vorrei qui ricordare, in particolare, il contributo al miglioramento della qualità della vita offerto dalla pratica sportiva e assicurato dalle esperienze di volontariato, attraverso migliaia di piccole associazioni sportive dilettantistiche.
E’ questa una dimensione del mondo dello sport che intendiamo tutelare e valorizzare.

Imprese e sviluppo.
Siamo consapevoli che il rilancio della nostra economia passa attraverso lo spirito di iniziativa e le qualità di tanti piccoli imprenditori, professionisti, commercianti artigiani, i quali, attraverso mille difficoltà, tengono alta la tradizione di impegno e laboriosità che costituisce una delle caratteristiche più autentiche del nostro tessuto produttivo, a tutti i livelli, in tutti i settori.
Ci proponiamo di creare per loro un contesto favorevole, operando in modo che la pubblica amministrazione non sia un avversario da cui difendersi, ma un alleato con cui cooperare.
Agiremo in modo da favorire le imprese che innovano, che assumono nuovo personale, che rispettano le regole della libera competizione.
Intendiamo promuovere le imprese che adottano prassi socialmente responsabili, che improntano le loro iniziative economiche al principio di precauzione, in modo da prevenire l’impatto negativo delle loro azioni sull’ambiente e da assicurare un ambiente idoneo a tutelare i diritti dei lavoratori.
Promuoveremo una disciplina che riveda integralmente la tradizionale legge fallimentare, nel segno di un approccio ben più ampio, che abbandonando una logica meramente sanzionatoria, valga a disciplinare e definire, in modo organico, il fenomeno della cosiddetta “crisi di impresa”.

Dialogo con le parti sociali.
Questo Governo si propone di recuperare in forme nuove e più efficaci il dialogo sociale con le varie associazioni rappresentative dei lavoratori e delle imprese. Dovremmo ridefinire, sulla base dei criteri oggettivi, il principio di rappresentatività, in piena trasparenza.
Per questa via otterremo che tutti siano invitati, ciascuno in base alle proprie sensibilità e competenze, a ridare un nuovo slancio alle proprie iniziative, nella consapevolezza che il loro impegno e le loro proposte, se ispirate all’interesse generale del Paese e delle varie comunità anche locali, saranno apprezzate e tenute in considerazione.
Occorre rimettere in moto, in maniera corale, tutte le molteplici energie positive del nostro Paese. Restituire vitalità all’industria, specialmente esportatrice, al tessuto delle innumerevoli piccole e medie imprese nell’ambito del commercio, dei servizi e dell’artigianato, alle cooperative autentiche, al mondo agricolo e alle sue filiere che promuovono il made in Italy nel mondo, alle banche trasparenti e al servizio della economia reale.

Semplificazione, deburocratizzazione, digitalizzazione.
Dedicheremo molta attenzione alla semplificazione, alla deburocratizzazione e alla digitalizzazione.
Riassumo solo una battuta al tema degli appalti pubblici. Dobbiamo ridare slancio agli appalti pubblici, che possono diventare una leva fondamentale della politica economica del Paese, garantendo sviluppo sostenibile e aumento dell’occupazione. Negli ultimi anni questo settore sta attraversando una fase di arresto, determinata per buona parte anche dalle incertezze interpretative e da talune rigidità generate dal nuovo codice dei contratti pubblici.
Dobbiamo superare il formalismo fine a se stesso che ancora domina largamente la disciplina degli appalti, poiché la forma non può essere scambiata per legalità: troppo spesso gare formalmente perfette nascondono corruzione e non impediscono la cattiva esecuzione.
Dobbiamo assicurare il rigoroso rispetto dei tempi di consegna delle opere ma anche la qualità dei lavori e delle forniture e l’efficienza dei servizi.

Sul sistema di voto all’estero e sulla salvaguardia delle Regioni ad autonomia speciale.
Il Governo presterà la dovuta attenzione anche alle legittime istanze che verranno dai Parlamentari eletti all’estero. Abbiamo già iniziato a meditare sulle criticità del sistema di voto all’estero e sulla necessità di introdurre misure adeguate a prevenire il rischio che alle votazioni si accompagnino brogli.
Ci adopereremo per salvaguardare le Regioni ad autonomia speciale, del Nord e del Sud del Paese, nella convinzione che la prossimità, la sussidiarietà e la responsabilità, ove localmente concentrate, possano contribuire a migliorare la qualità di vita dei nostri cittadini.

Sulla centralità del Parlamento e sui gruppi parlamentari di opposizione.
Una specifica considerazione rivolgo ai gruppi parlamentari che si collocheranno all’opposizione.
Questo governo non è espressione del Vostro sentire, ma si apre anche alle Vostre valutazioni. Nel rispetto dei ruoli, qualora confermerete di non appoggiare questa iniziativa di governo, vi chiedo però di esercitare le vostre prerogative di opposizione in modo costruttivo e leale. Le istituzioni non sono il patrimonio di una sola forza politica ma sono la casa di tutti gli italiani e segnano la qualità del nostro ordinamento giuridico e del nostro vivere civile.
Una opposizione anche ferma, ma leale e costruttiva è il sale della dialettica politica e serve per il buon funzionamento dell’“istituzione parlamentare” e dell’intero sistema democratico.
Anche al fine di onorare la centralità del Parlamento, Vi anticipo sin d’ora che è mia intenzione applicare l’istituto delle interrogazioni a risposta immediata, in accordo con le previsioni regolamentari di Camera e Senato.
Per questa via, potremo confrontarci costantemente e attraverso la vostra mediazione mi sarà consentito di interloquire con i cittadini da Voi rappresentati.
La presenza del Governo nelle Aule e nelle Commissioni Parlamentari sarà inoltre assicurata, con forza, da tutti i Ministri, i quali, in base alle rispettive competenze, risponderanno alle Vostre domande.
Personalmente, mi impegno a rispettare le opinioni dissenzienti e le valutazioni contrarie che si leveranno da questi scranni e a veicolare anche all’interno della compagine di governo le posizioni che torneranno utili a offrire maggiore solidità ed efficacia alle azioni del Governo.
Saremo disponibili anche a valutare, in corso d’opera, l’apporto di gruppi parlamentari che vorranno condividere il nostro cammino e, se del caso, aderire successivamente al contratto di governo, offrendo un apporto più stabile alla realizzazione del nostro programma.

Dedico un pensiero finale ai terremotati. La mia prima uscita pubblica, in Italia, sarà dedicata a loro.

Sono giunto alla fine del mio discorso. Il popolo si è espresso e ha chiesto il cambiamento. Adesso la parola sta a Voi. Il Vostro voto di oggi sarà parte della storia del Paese. Grazie a tutti.