We do not want friendly journalists, but free journalists

Link to original content: 
Contextual information from the translator: 
Following is the answer by Vito Crimi to the editorial by director Calabresi published today on Repubblica.
Translation: 

Ensuring the pluralism of information and freedom of expression, not only in traditional media but also and above all on the Internet, are and will be our primary objectives, but this does not necessarily mean flooding the market with public money the way it has been done so far.

As can be seen from the attached table in the last sixteen years the public sector has disbursed nearly 3 billion euros in indirect contributions and an equal sum in direct contributions.

Dear Director,
Thank you for your solicitations which allow me to further clarify some issues.

First of all, you yourself point out that the 5 Star Movement makes the abolition of public funding to the newspapers one of its workhorses. And it has been for over 10 years. What was to be expected, Director, now that we are in government? That we suddenly changed our minds, like the weathervanes to which the politics of the parties of the last decades have accustomed us? Our behaviour, Director, is called coherence. And I want to hope that it was not our coherence what shocked her.

If it is true that public funding for publishing has been reduced to the bone, it is equally true that over time it has been able to transform itself and take various indirect forms: reduced VAT, reduced postal rates, tax credit, support for early retirement and corporate restructuring, electricity, paper, telephone charges and much more. All forms of facilitation that even your newspaper, director, has enjoyed and still enjoys today. Incentives that however do not support the industrial publishing system, but end up in the private activities of publishers. Instead of relaunching the publishing industry, in some cases they served to consolidate the balance sheets and in other they contributed to millionaire dividends.

Since 2001, indirect financing has been allocated to publishing (of which all newspapers have benefited) for an amount of over 3 billion euros, without counting the subsidized VAT to 4%.

In the comments and interviews that I have released so far, I have always talked about "effectiveness" of public funding for publishing. There is no doubt that in recent years there has been a delige of direct funding, a practice that has not done good. For a while  the subjective right to access funding was set in place: there was no ceiling and publishers worked with an eye to the number of copies produced and circulation, not the information to be paid to readers. A clear aberration in the system, which has contributed to "doping" the publishing industry .

It's true: today, direct funding to newspapers has been reduced to a minimum. But it still exists, and it exists not only for those countless magazines that represent their local communities and that without public support would see their voices go out, but it also exists for those two - three direct competitors of your newspaper that drain 15% - 20 % of total resources allocated. I would rather have expected from you an appreciation towards those who (like us and many others) support the right of your newspaper to be able to carry out its business on a par with its direct competitors.

Supporting information pluralism does not mean supporting publishers. It means supporting free movement and free access to content, truth, facts. It means supporting that constitutionally guaranteed right to inform and be informed. Unfortunately, and it is undeniable, for decades this right has been interpreted exclusively as a support to heal the budgets and take care of those who produce information with the goal of profit at any cost, and not as support for the whole system that should guarantee citizens the right to a fair, impartial, free information.

Dear director, it is certainly not the responsibility of this government or of my person, if the traditional information on paper is gradually dying to give way to direct, instant information, which is able to spread filter-free on the web or through innovative technological tools (regardless of the positive or negative consequences that this may cause). We are faced with an epochal change , inexorable and fast, a phenomenon that happens and will happen regardless of the resistance that someone can oppose. A phenomenon from which we can not be overwhelmed, but rather we must govern: it is in this sense that my words, ideas and proposals of which we have become spokesmen have to be interpreted. If the government has to guarantee the right to information, freedom to inform and be informed, it must do so by accompanying and supporting these new technologies, and not by keeping alive an obsolete communication system that is destined to disappear.

As for the obligation for Public Administrations to publish the tender notices in newspapers, it is an obsolete and anachronistic norm. An absurd obligation, if we think that the tender notices are already published in the European and Italian Official Gazette, and if we look at the technological tools available today for companies and professionals, at the time of the internet, social networks, instant messaging services and much more. Yet the publishers themselves did everything to ensure that the publication obligation was not abolished when one tried to suppress it. And this is, it must be said, an indirect financing that also benefits Repubblica (TN Repubblica is the italian newspaper Vito Crimi is writing to).

And again, does it seem fair to you that a Public Administration charges the winner of a tender, business or professional, the expenditure for publication, which the company is not able to know before participating in the tender? And that the company even before seeing the shadow of a penny must already repay that expense?

When I talk about transparency in terms of advertising, I mean the need to make easily accessible (without intensive research) data on the investments that advertisers make to newspapers. In the past we have unfortunately witnessed intimidation by some large companies that have reduced to cancelled their advertisement on a specific newspaper because this did not speak well of the same company. This is not good for journalism. This is also intimidation, perhaps even "mafia" style, and takes place every day, more frequently than intimidation from organized crime.

Freedom of information has never been discussed here. The 5 Star Movement has always considered it a right and a sacrosanct value. Even before being words written in the Constitution, it should be a common feeling, present and alive in each of us. The Movement to which I belong will not have any power on newspapers and journalists, just like the government of which it belongs or the governments that will come. Freeing information from public funding means freeing information from temporary executive power. If we really want information today to be free, then we will have to work to ensure free access to the new tools that allow us to make information today.

I conclude by reiterating what I said in recent days, which has not remembered to quote in your editorial: "We do not want friendly journalists, but free journalists".

Original content: 

Garantire il pluralismo dell'informazione e la libertà di espressione, non solo nei media tradizionali ma anche e sopratutto in rete, sono e saranno nostro obiettivo primario, ma questo non significa necessariamente inondare il mercato di soldi pubblici come é stato fatto finora.

Come si può vedere dalla tabella allegata solo di contributi indiretti negli ultimi sedici anni sono stati erogati quasi 3 miliardi e altrettanto di contributi diretti.

Gentile Direttore,
La ringrazio per le sollecitazioni da lei esposte che mi permettono di chiarire ulteriormente alcune questioni.

Innanzitutto lei stesso fa notare che il Movimento 5 Stelle fa dell'abolizione del finanziamento pubblico ai giornali un suo cavallo di battaglia. E lo fa da oltre 10 anni. Cosa si aspettava, Direttore, ora che siamo al governo? Che cambiassimo improvvisamente idea, come le banderuole alle quali la politica dei partiti degli ultimi decenni ci ha abituati? La nostra, Direttore, si chiama coerenza. E voglio sperare che non sia stata proprio la nostra coerenza a scandalizzarla.

Se è vero che il finanziamento pubblico diretto all'editoria si è ridotto all'osso, è altrettanto vero che nel tempo ha avuto modo di trasformarsi ed assumere varie forme indirette: iva agevolata, tariffe postali agevolate, credito d’imposta, sostegni ai prepensionamenti e alle ristrutturazioni aziendali, energia elettrica, carta, spese telefoniche e molto altro. Tutte forme di agevolazione di cui anche il suo giornale, direttore, ha fruito e fruisce ancora oggi. Incentivi che tuttavia non sostengono il sistema industriale dell'editoria, ma vanno a finire nelle attività private degli editori. Anziché rilanciare l'editoria sono serviti in taluni casi a risanare i bilanci e in altri hanno contribuito a dividendi milionari.

Dal 2001 sono stati stanziati finanziamenti indiretti all'editoria (di cui hanno fruito tutti i giornali) per un ammontare di oltre 3 miliardi di euro, senza contare l'iva agevolata al 4%.

Nei commenti e nelle interviste che ho rilasciato finora, ho sempre parlato di "efficacia" del finanziamento pubblico all'editoria. È indubbio che in questi anni ci sia stato un finanziamento diretto a pioggia, una pratica che non ha fatto bene. Per un periodo c'è stato il diritto soggettivo ad accedere ai finanziamenti: non c'era un tetto massimo e gli editori lavoravano in funzione del numero di copie e della tiratura, non dell'informazione da corrispondere ai lettori. Una chiara aberrazione nel sistema, che ha contribuito a "dopare" l'industria dell'editoria.

È vero: oggi il finanziamento diretto ai giornali è stato ridotto al minimo. Ma esiste ancora, ed esiste non solo per quegli innumerevoli periodici che rappresentano le loro comunità locali e che senza un sostegno pubblico vedrebbero le loro voci spegnersi, ma esiste anche per quei due/tre diretti concorrenti del suo giornale che drenano il 15% - 20% delle risorse complessive assegnate. Ecco, da lei mi sarei aspettato piuttosto un apprezzamento nei confronti di chi (come noi e tanti altri) sostiene il diritto del suo giornale di poter svolgere la propria attività alla pari dei suoi diretti concorrenti.

Sostenere il pluralismo dell'informazione non significa sostenere gli editori. Significa sostenere la libera circolazione e il libero accesso a contenuti, verità, fatti. Significa sostenere quel diritto, costituzionalmente garantito, di informare ed essere informati. Purtroppo, ed è innegabile, per decenni questo diritto è stato interpretato esclusivamente come sostegno per risanare i bilanci e curare i tornaconti di chi produce informazione con l'obiettivo del profitto ad ogni costo, e non come sostegno all'intero sistema che dovrebbe garantire ai cittadini il diritto ad una corretta, imparziale, libera informazione.

Caro direttore, non è certo responsabilità di questo governo o della mia persona, se l'informazione tradizionale su carta sta a poco a poco morendo per lasciare il posto ad un'informazione diretta, istantanea e in grado di diffondersi in rete o tramite strumenti tecnologici innovativi e senza filtri (indipendentemente dalle conseguenze positive o negative che ciò può determinare). Siamo dinnanzi ad un mutamento epocale, inesorabile e velocissimo, un fenomeno che accade e accadrà a prescindere dalla resistenza che qualcuno potrà opporgli. Un fenomeno dal quale non possiamo farci travolgere, ma che dobbiamo anzi governare: è in questo senso che vanno interpretate le mie parole, le idee e le proposte delle quali ci siamo fatti portavoce. Se il governo deve garantire il diritto all'informazione, la libertà ad informare ed informarsi, deve farlo accompagnando e sostenendo queste nuove tecnologie, e non mantenendo in vita un sistema di comunicazione obsoleto che è destinato a scomparire.

Quanto all'obbligo per le Pubbliche Amministrazioni di pubblicare gli avvisi di gara sui giornali, si tratta di una norma obsoleta e anacronistica. Un obbligo assurdo, se pensiamo che gli avvisi di gara sono già pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale Europea ed Italiana, e se guardiamo agli strumenti tecnologici disponibili oggi per imprese e professionisti, al tempo di internet, dei social network, dei servizi di messaggistica istantanea e di tantissimo altro. Eppure gli stessi editori hanno fatto di tutto perché l'obbligo di pubblicazione non venisse abolito quando si è tentato di sopprimerlo. E si tratta, va detto, di un finanziamento indiretto di cui usufruisce anche Repubblica.

E ancora, le sembra corretto che una Pubblica Amministrazione addebiti all'aggiudicatario di un bando di gara, impresa o professionista che sia, la spesa per la pubblicazione, che l’impresa non è in grado di conoscere prima di partecipare al bando? E che l’impresa ancor prima di vedere l'ombra di un quattrino debba già rimborsare quella spesa?

Quando parlo di trasparenza in materia di inserzioni pubblicitarie, intendo la necessità di rendere facilmente accessibili (e senza un intenso lavoro di ricerca) i dati relativi agli investimenti che gli inserzionisti destinano ai giornali. In passato abbiamo assistito, nostro malgrado, a intimidazioni da parte di alcune grandi aziende che hanno ridotto fino ad annullare le proprie inserzioni su una specifica testata giornalistica perché questa non parlava bene della stessa azienda. Questo non fa bene al giornalismo. Anche questa è intimidazione, forse perfino di tipo "mafioso", ed avviene ogni giorno, con maggiore frequenza rispetto alle intimidazioni provenienti dalla criminalità organizzata.

Qui non né mai stata in discussione la libertà d'informazione. Il Movimento 5 Stelle la ritiene da sempre un diritto e un valore sacrosanto. Ancora prima che parole scritte in Costituzione, dovrebbe essere un sentimento comune, presente e vivo in ognuno di noi. Il Movimento al quale appartengo non dovrà avere alcun potere sui giornali e sui giornalisti, così come non deve averne il governo di cui fa parte o i governi che verranno. Liberare l'informazione dal finanziamento pubblico, significa liberare l'informazione dal potere esecutivo temporaneo. Se vogliamo davvero che oggi l'informazione sia libera, allora dovremo lavorare per garantire il libero accesso ai nuovi strumenti che oggi consentono di fare informazione.

Concludo ribadendo quanto ho detto nei giorni scorsi, che non si è ricordato di citare nel suo editoriale: "Non vogliamo giornalisti amici, ma giornalisti liberi".